La commissione Cultura della Camera ha espresso parere favorevole al nuovo testo del disegno di legge sulla “riforma della disciplina sanzionatoria in materia di reati contro il patrimonio culturale” (ddl Franceschini-Orlando) attualmente all’esame in sede referente della commissione Giustizia. In particolare, la VII commissione ha “condiviso l’obiettivo di rafforzare la tutela penale del patrimonio artistico e culturale della nazione”, apprezzando “il ruolo del Governo italiano nelle sedi internazionali, di promozione di un consenso intorno alla necessità di apprestare più efficaci strumenti investigativi, preventivi e repressivi per stroncare il traffico illecito di beni culturali”.

I deputati hanno inoltre “compreso l’obiettivo di innalzare le pene per le fattispecie criminose che hanno a oggetto i beni culturali, onde consentire diversi effetti sul piano applicativo, quali per esempio la possibilità di svolgere le intercettazioni telefoniche e ambientali, di disporre le misure di custodia cautelare e di ottenere tempi più lunghi nella prescrizione dei reati”. Di contro, alcuni membri della commissione hanno reputato che “la tecnica legislativa della novellazione” è “eccessivamente dettagliata, con una descrizione troppo minuta delle diverse fattispecie di reato”.

Il parere alternativo (contrario) di Articolo 1 – MDP

In commissione non è mancato il confronto tra i deputati, tanto che il gruppo Articolo 1 – MDP ha presentato una proposta di parere alternativo (contrario) nella quale – come illustrato durante la seduta dalla deputata Marisa Nicchi – si ritiene “condivisibile” lo scopo di rafforzare la tutela del patrimonio artistico e culturale della nazione e si comprende “l’obiettivo di alzare le pene in questo settore, volto ad ottenere risultati pratici, sul piano sia investigativo, sia sanzionatorio, più efficaci nella repressione dei fatti che danneggiano il patrimonio culturale italiano”; tuttavia si sottolinea che “la tecnica redazionale adoperata consista in una indiscriminata lievitazione delle fattispecie penali, duplicandole dal Codice penale, spesso incorrendo in evidenti errori tecnici”.

Il gruppo, inoltre, “coglie un’evidente contraddizione tra le politiche di liberalizzazione dell’esportazione dei beni culturali, perseguite nel disegno di legge sulla concorrenza e la volontà di strizzare l’occhio all’opinione pubblica col messaggio semplice dell’inasprimento delle pene. Ipotizza, infine, che questo perentorio intervento sui livelli sanzionatori inciderà per il contenimento dei premi assicurativi, così favorendo determinati operatori”.

La replica della Borletti Buitoni (Mibact)

Rilievi sui quali ha replicato la sottosegretaria ai Beni culturali, Ilaria Borletti Buitoni, presente alla discussione in commissione: “Sono tra coloro che pensano che l’innalzamento delle pene costituisca un deterrente e che, viceversa, non vi sia alcun nesso tra il provvedimento oggi all’esame e la liberalizzazione all’esportazione, la quale è quanto mai opportuna per facilitare il lavoro degli operatori del mercato che sono soffocati da procedure troppo complesse”. La Borletti Buitoni ha quindi ribadito la sua preferenza per la proposta di parere della relatrice Irene Manzi (Pd).

Il parere positivo della relatrice

Martedì la relatrice Manzi aveva evidenziato come, in realtà, “il nuovo testo (adottato dalla Commissione Giustizia, ndr) non comprenda più deleghe legislative, bensì un intervento diretto, di novella al codice penale e al codice di procedura penale, che – ove la legge fosse approvata – entrerebbe direttamente in vigore”. Nella sua relazione, la Manzi ha sottolineato che “nel complesso le ragioni del disegno di legge, come esso si presenta a seguito di questa novella legislativa, appaiono chiare e in gran parte condivisibili, visto che sono orientate al rafforzamento della protezione penalistica nei riguardi del nostro patrimonio culturale”.

Articoli correlati:

Ddl Franceschini-Orlando, parere favorevole dalla Commissione bilancio

Camera, parere favorevole della Commissione Ambiente al Ddl Franceschini-Orlando

Beni culturali, Allegrini: bene reato danneggiamento colposo in ddl Franceschini-Orlando

Camera, approvati 4 emendamenti al nuovo testo del ddl Franceschini-Orlando

Cultura, la settimana alla Camera: si accelera su ddl Franceschini-Orlando

Beni culturali, comm. Giustizia adotta nuovo testo base ddl Franceschini-Orlando

2 Comments

  1. Pingback: Camera, da Affari costituzionali parere favorevole (con 3 osservazioni) a ddl Franceschini-Orlando - AgCult

  2. Pingback: Patrimonio culturale, Camera inizia esame ddl. Ferri: "Difendere elemento connotativo della nostra storia" - AgCult

Rispondi