Si è spenta a Roma all’età di 80 anni la stilista Carla Fendi. “Sono molto addolorato per la scomparsa di Carla Fendi una donna colta e sensibile che ha fatto del mecenatismo una cifra della sua vita”. Così il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini  che ricorda: “Sono passate solo poche settimane da quando abbiamo presentato insieme la sessantesima edizione del festival di Spoleto e abbiamo parlato dei tanti progetti della sua Fondazione nata per sostenere la cultura e sensibilizzare i privati per la preservazione di beni e valori culturali del passato e garantire la continuità e la crescita nel futuro. È un giorno triste per la cultura italiana – conclude Franceschini – se ne va una donna colta e sensibile di cui sentiremo la mancanza”.

“Addio a Carla #Fendi, signora del Made in Italy, mecenate e sostenitrice nel mondo dell’artigianato di eccellenza”, ha twittato la sottosegretaria ai Beni culturali, Dorina Bianchi.

La biografia

Quarta delle sorelle Fendi dopo gli studi classici entra alla fine degli anni ’50 ancor giovane nell’azienda di famiglia a fianco delle sorelle Paola, Anna, Franca e poi Alda. La sua formazione si completa in settori diversi facendo esperienze nell’amministrazione, nella produzione, nella vendite, nella progettazione dove lavora, insieme alle sorelle, a fianco di Karl Lagerfeld. Parallelamente già dagli anni sessanta si dedica al settore delle relazioni pubbliche puntando innanzitutto e strategicamente sul mercato più difficile, quello americano, i cui successi ottenuti hanno definitivamente sancito la fama di Fendi in tutto il mondo.

Con la crescita e lo sviluppo dell’azienda Carla Fendi, pur continuando a collaborare alla creazione si occupa in modo specifico della Comunicazione, dall’Ufficio Stampa, alla Pubblicità, all’Immagine, alle Manifestazioni. E proprio nell’ambito delle Manifestazioni che nasce negli anni ’80 il suo grande interesse per Spoleto e per il suo Festival. Erano gli anni del Maestro Giancarlo Menotti e mentre il Festival dei due Mondi diventava uno degli eventi più importanti della cultura italiana Carla Fendi, nel suo ruolo di responsabile della Comunicazione, sceglie di legare il marchio Fendi alla manifestazione. Un coinvolgimento che matura di anno in anno e che si consolida attraverso una bella e preziosa amicizia con il Maestro Giancarlo Menotti.

La Fondazione Carla Fendi

La Fondazione Carla Fendi nasce nel 2007 con lo scopo principale di dare contributo e assistenza per preservare beni e valori culturali del passato e per garantirne la continuità e la crescita nel futuro, muovendosi principalmente nel campo dell’arte, della letteratura, del cinema, della moda, dell’ambiente e del sociale, e comunque in tutti i settori in cui si potranno finalizzare i medesimi interessi culturali. Con questo spirito, la Fondazione promuove eventi allo scopo di preservare eccellenze artistiche del passato e di promuovere personalità emergenti. Supporta progetti nell’ambito della difesa ambientale finalizzati allo sviluppo e alla difesa dell’Ambiente. Sostiene inoltre la pubblicazione di opere letterarie, opere d’arte e libri finalizzati a far conoscere e divulgare la cultura.

Articoli correlati:

Morte Fendi, Bianchi (Mibact): mecenate e sostenitrice nel mondo dell’artigianato di eccellenza

Fendi rende omaggio a Roma, un’opera di Penone sbarca a largo Goldoni

Franceschini: Addio a Laura Biagiotti, sostenitrice generosa del patrimonio culturale italiano

Tags:

Rispondi