“Sono stupito”, evidentemente “la temperatura ha influito”. Così Albino Ruberti, ex Ad di Zetema (la municipalizzata del Campidoglio che si occupa della gestione del polo dei musei civici), ha commentato con Agcult le parole del vicesindaco di Roma Luca Bergamo (“Zetema è una società capace di fare il lavoro, ci sono tante persone brave ma non tutte. È stato un centro di potere ma oggi non lo è più”, ndr). “Non ho molto da aggiungere, sono stupito perché nell’ultimo anno avevamo lavorato bene e non capisco la necessità di fare polemica. Mi dispiace leggere cose che non corrispondono al vero”. Zetema, aggiunge, “è una società sana, auguro buon lavoro ai successori, sono sicuro che potranno fare un bel lavoro”. Ruberti sottolinea quindi la grande trasparenza che ha sempre contraddistinto la società: “I nostri atti sono visibili da sempre, lo stesso non può dirsi per alcune delle altre società del comune. Non c’è un dato di Zetema non pubblicato”, ha concluso Ruberti.

Articoli correlati:

Roma: Raggi incontra Flick, sarà in “board Cultura” Campidoglio

Cultura, Bergamo: Zetema non più “centro di potere” ma torna “società di servizi”

Roma: Nominato nuovo CdA di Zètema. Francesca Jacobone presidente

Musei civici di Roma, Ruberti (Zetema): ora non fermarsi, obiettivo è 2 mln di visitatori nel 2017

Turismo, Ruberti (Zetema): nel 2017 vendite card “Roma pass” +4%

2 Comments

  1. Pingback: Cultura, Bergamo: Zetema non più “centro di potere” ma torna “società di servizi” - AgCult

  2. Pingback: Roma: Nominato nuovo CdA di Zètema. Francesca Jacobone presidente - AgCult

Rispondi