Lazio Innova nell’ambito delle attività realizzate per l’attuazione delle linee strategiche regionali della Smart Specialisation Strategy – S3 ha ospitato una delegazione di Taiwan guidata dal vice Ministro della Cultura, Mr Lee Lien-Chuan, che ha visitato il borgo del Castello di Santa Severa.

Il sito è rinato a nuova vita grazie all’impegno della Regione Lazio, in collaborazione con LAZIOcrea, Mibact, Comune di Santa Marinella e Coopculture.

L’Italia è la nazione con il maggior numero di siti riconosciuti dall’UNESCO come “Patrimonio dell’umanità” e, in questo contesto, il Lazio è la regione con la più alta intensità di visite e proventi derivanti da musei, siti archeologici e circuiti culturali, la Necropoli della Banditaccia a Cerveteri ne è un esempio. E il patrimonio culturale e le connesse tecnologie della cultura costituiscono una vera eccellenza della Regione Lazio. Il “turista culturale” è sempre più attratto da tecniche di spettacolarizzazione “in loco”, scenografie digitali, ricostruzioni virtuali, metodologie di realtà aumentata e applicazioni in mobilità. Per questo dall’estero arrivano sempre più delegazioni per studiare il “sistema Lazio”. In particolare, il Castello di Santa Severa rappresenta un fiore all’occhiello come esempio di recupero di un bene abbandonato e restituito al turismo culturale. Dopo otto anni di chiusura il sito monumentale è stato finalmente valorizzato e la riscoperta della la sua vocazione turistica diventa un appeal per le delegazioni straniere in visita in Italia che scoprono questa suggestiva realtà storico- artistica a un passo da Roma per godere del suo fascino, dei colori, del mare, della storia in un compendio di bellezza tra i più suggestivi.

Rispondi