senato aulaLa settimana della Cultura al Senato è caratterizzata dal lavoro dell’aula che è chiamata a “chiudere” martedì pomeriggio sul Codice dello spettacolo all’esame dell’assemblea di Palazzo Madama da giovedì scorso e dall’arrivo, sempre in aula, dei tre ddl sui centenari: quello per la celebrazione dei duemila anni dalla morte di Ovidio, quello per la celebrazione dei centocinquanta anni dalla morte di Gioachino Rossini e quello, già approvata dalla Camera, per le celebrazioni per Leonardo, Raffaello e Dante. Nelle commissioni prosegue l’esame del ddl per la Tutela del patrimonio culturale con l’avvio delle audizioni informali di esperti. La Commissione Cultura è ancora chiamata a formulare i pareri sulla Convenzione di Faro (assegnata in sede referente alla Commissione Esteri) e sul ddl per la Tutela del patrimonio culturale (assegnato alla Giustizia).

Martedì 19 settembre

L’assemblea di Palazzo Madama prosegue martedì 19 settembre, alle 16,30, l’esame del testo proposto dalla Commissione Istruzione sulla delega al Governo per il codice dello spettacolo. La trattazione è iniziata giovedì 14 con la relazione della senatrice Rosa Maria Di Giorgi e la discussione generale con gli interventi, tra gli altri, di Michela Montevecchi, Elena Ferrara, Stefania Pezzopane, Carlo Giovanardi e Francesco Giro. Tra gli emendamenti presentati per l’aula e al vaglio, la settimana scorsa, della commissione bilancio sono emersi anche tre (Giovanardi, Giro e Liuzzi) che chiedevano il ripristino dei 4 milioni di euro che la Manovrina di primavera aveva stanziato a favore del teatro Eliseo. Il codice dello Spettacolo invece, all’articolo 4, prevedeva il taglio di questi fondi a favore di spettacoli e iniziative culturali nelle regioni del Centro Italia colpite dal terremoto del 2016. (leggi l’approfondimento: Teatro Eliseo, nel Codice dello Spettacolo tre emendamenti per recuperare 4 mln)

Sempre in aula, ma non prima di mercoledì 20, dovrebbero arrivare i ddl per i centenari. Si tratta dei tre provvedimenti che stanziano fondi e istituiscono i comitati per i duemila anni dalla morte di Ovidio, per la celebrazione dei 150 dalla morte di Gioacchino Rossini e per le Celebrazioni per Leonardo, Raffaello e Dante. (Sui tre disegni di legge leggi l’approfondimento di AgCult: http://agcult.it/2017/09/13/senato-dalla-prossima-settimana-aula-anche-comitati-celebrativi/)

Sempre martedì, ma alle 13, gli stessi ddl (escluso quello su Ovidio) arrivano in Commissione Bilancio per l’esame del testo e degli emendamenti. Il termine per la presentazione degli emendamenti a questi due provvedimenti è scaduto alle 13 di giovedì 14 settembre.

Alle 12 l’Ufficio di presidenza della Commissione Giustizia comincia il ciclo di audizioni informali sul ddl Tutela del patrimonio culturale che prevede nuove fattispecie di reati se commessi nei confronti di beni culturali e misure più efficaci per le indagini. La presidenza della 2a Commissione ha assicurato la settimana scorsa ad Andrea Marcucci (presidente della 7a) la disponibilità ad estendere la partecipazione al ciclo di audizioni anche ai membri della sua commissione, in orari compatibili con i lavori di entrambi gli organi parlamentari. Nell’ultima seduta Elena Ferrara, relatrice per la Cultura, Michela Montevecchi (M5S) e lo stesso presidente Marcucci avevano espresso la necessità di seguire ‘da vicino’ l’esame in sede referente del provvedimento, alla luce della “particolare importanza” che “il ddl riveste per il settore dei beni culturali”.

Nel pomeriggio, alle 15,15, la plenaria della 2a Commissione prosegue l’esame in sede referente del provvedimento.

La Commissione Istruzione e Beni culturali si riunisce alle 15 per proseguire l’esame in sede consultiva dei ddl di Ratifica Convenzione Consiglio d’Europa sul patrimonio culturale (relatore il presidente Andrea Marcucci) e quello sulla Tutela del patrimonio culturale (relatrice Elena Ferrara). Nell’ultima seduta che ha esaminato la Convenzione di Faro, il presidente Marcucci aveva sottolineato l’importanza del provvedimento e il rammarico per il ritardo con cui l’Italia procede alla ratifica di una Convenzione dai tratti moderni, augurandosi comunque che su questo provvedimento si possa registrare la convergenza di tutte le forze politiche.

La senatrice Ferrara (Pd) è la relatrice, per il terzo anno consecutivo, dell’atto parlamentare “Elenco proposte istituzione e finanziamento comitati e edizioni nazionali 2017” con cui il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini relaziona al Parlamento l’attività della Consulta dei comitati nazionali e delle edizioni nazionali che ha come finalità quella “di individuare le celebrazioni o le manifestazioni culturali di particolare rilevanza nonché le Edizioni nazionali da realizzare”. Si tratta della via ordinaria per finanziare iniziative legati alle celebrazioni dei centenari.

Sempre martedì a seguire proseguono gli esami in sede referente del ddl che stanzia fondi all’Umbria jazz Festival; del ddl sulla statizzazione degli ex istituti musicali pareggiati; del ddl sulle iniziative per preservare la memoria di Giacomo Matteotti e di Giuseppe Mazzini e del ddl sulle università straniere in Italia. Per quanto riguarda il ddl sull’Umbria Jazz nella seduta del 14 settembre risultava presentato un solo emendamento e un ordine del giorno. In quell’occasione il presidente della 7a Marcucci (Pd) ha chiesto ai capigruppo la disponibilità a un eventuale trasferimento alla sede deliberante.

Mercoledì 20 settembre

Mercoledì alle 15 prosegue in Commissione Agricoltura l’esame in sede referente del ddl sull’enoturismo.

Rispondi