Quali iniziative il Governo intende intraprendere per agevolare, con finanziamenti dedicati, la realizzazione del progetto dei “Cammini lauretani” e delle opere necessarie per assicurare la migliore ospitalità ai pellegrini lungo il percorso e nel comune di Loreto, loro mèta. E’ quanto chiede il deputato Piergiorgio Carrescia (Pd), in un’interrogazione indirizzata al ministero dei Beni culturali e al ministero dei Trasporti. “La valorizzazione della Via Lauretana – spiega – rappresenterebbe un significativo volano per promuovere le Marche, la regione più colpita dagli eventi sismici del 2016 e 2017, come un vero e proprio ‘museo diffuso’ e sarebbe anche un’occasione di valorizzazione delle ricchezze paesaggistiche e di riscoperta del vasto patrimonio enogastronomico e artigianale locale”.

Il deputato dem ricorda quindi che “uno dei progetti più interessanti per valorizzare, con il recupero dei percorsi, l’antica pratica dei pellegrinaggi verso la Santa Casa di Loreto, una pratica di culto, tanto diffuso in passato al punto di creare le proprie vie nel quadro della mobilità generale delle persone e delle cose è il progetto del distretto culturale evoluto ‘I Cammini Lauretani’; una memoria, quella della Via Lauretana e più ampiamente dei Cammini Lauretani, che tramanda il racconto dei pellegrini fin dal Duecento, collocandone i percorsi sacri in un contesto non dissimile, per antichità e significato religioso, dalla Via Francigena e dai Cammini di Santiago di Compostela.

“Il progetto dei Cammini lauretani intende infatti riproporre un turismo religioso che sappia anche riscoprire il valore culturale del territorio, un valore che, sedimentato nei secoli, ha innervato, ed innerva tuttora, il paesaggio, la rete dei borghi, le pratiche di culto, i luoghi della memoria, i beni culturali, un ‘unicum’ che si può cogliere lungo il percorso che da Assisi porta a Loreto”, ha concluso Carrescia.

Articoli correlati:

“Cammini e percorsi”, la via del Demanio per un turismo lento e consapevole

Turismo, Bianchi (Mibact): religioso ha grandi potenzialità, anche in Italia un Cammino come Santiago

Rispondi