“Il cinema è una tessera importante del mosaico, soprattutto è all’interno dell’obiettivo condiviso che è quello di accrescere l’accesso alla cultura e la partecipazione dei cittadini che abitano nella regione”. Lo ha detto la vicepresidente ed Assessore alla cultura della Regione Toscana, Monica Barni, accogliendo positivamente l’iniziativa di Unicoop Firenze, che assieme a Fondazione Sistema Toscana, società in-house della Regione, e in collaborazione con Agis, Anec, Fice e Acec, ha presentato oggi la “Carta Grande Cinema”, che consente di avere in cinquantatre sale che hanno aderito un biglietto scontato il giovedì, giorno in cui i film escono, e la domenica.

“Già nella prima settimana di lancio – si legge in una nota – ne sono state acquistate cinquanta, in venti diversi punti di vendita di diciotto comuni. Ma l’obiettivo, ricordano da Unicoop che sull’iniziativa ha investito 400 mila euro, è quello di arrivare a ventimila nel primo anno”. “Da tanti anni la Regione lavora con gli esercenti cinematografici: un dialogo che da un paio si è fatto forse ancora più fitto” ha ricordato Barni. “Dobbiamo recuperare spazi di socialità e di socializzazione che sempre più si perdono – ha aggiunto – Dobbiamo, l’ho ripetuto anche altre volte, recuperare il non-pubblico, quel 70 per cento di cittadini che in un museo o in una biblioteca, ad esempio, non ha mai messo piede. Va accresciuto il ‘consumo’ culturale, che deve diventare qualcosa di più: una pratica ripetuta, abitudine e partecipazione appunto. Serve in questo un’azione coordinata, al cui interno stanno iniziative come quella di oggi sul cinema ed altre sul teatro, i festival, le mostre d’arte e il contemporaneo, nella convinzione che la cultura aiuti la crescita personale ma anche collettiva e la coesione”.

“In fondo – ha detto Daniela Mori, presidente di Unicoop – se agli albori del mondo cooperativo le coop sostenevano il diritto allo studio e si adoperavano perché tutti sapessero leggere e scrivere, oggi che il mondo è cambiato il ruolo di una cooperativa che vive nel contemporaneo non può che essere il sostegno all’accesso. Unicoop lo sta facendo per il cinema, ma anche l’arte e lo spettacolo, per il teatro, mostre e musei”. “La nuova Carta Grande Cinema è acquistabile con 1.000 punti della carta socio e dà diritto per un anno all’ingresso ridotto (al posto di un biglietto intero) il giovedì e la domenica presso tutte le sale circuito Gis, Anec, Fice e Acec della Toscana aderenti all’iniziativa. Tra queste ci sono molto piccole sale, di centro storici e paesi. Il risparmio, a conti fatti, è di almeno il 25 per cento sull’ingresso a tariffa piena”. Alla presentazione della carta sconto – oggi al Cinema “La Compagnia” di Firenze, spazio della Regione per tutti coloro che coltivano la passione per sperimentazione e la cultura dell’audiovisivo in tutte le sue forme – hanno partecipato anche Stefania Ippoliti, responsabile area cinema di Fondazione Sistema Toscana, e Mario Lorini, presidente Fice.

Rispondi