cammini di santiagoUna piattaforma di incontro, confronto e promozione delle antiche vie di storia, cultura e pellegrinaggio che attraversano l’Italia. Torna dal 17 al 26 novembre “All Routes lead to Rome – Tutti gli Itinerari portano a Roma”, evento annuale che intende favorire i processi di integrazione tra proposte culturali e modelli di gestione. L’evento, in programma nella Capitale a Palazzo Massimo – sede del Museo Nazionale Romano – è ideato da Federico Massimo Ceschin, segretario generale della rete di cooperazione internazionale Cammini d’Europa, che promuove il meeting; è organizzato da Infosei in collaborazione con Communis Agere e Vie Sacre, con il supporto scientifico di Società Geografica Italiana, CTS – Centro Turistico Studentesco e Giovanile, del Consorzio Francesco’s Ways e della rete di cicloturismo responsabile Viandando. L’edizione 2017 è evento ufficiale dell’Anno Internazionale del Turismo Sostenibile, proclamato dall’Organizzazione Mondiale del Turismo presso le Nazioni Unite (UNWTO), è supportato dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo e le Aree archeologiche di Roma e dal Parco Archeologico dell’Appia Antica; ha il patrocinio dei ministeri dei Beni culturali e dell’Ambiente, dell’Ufficio di Venezia del Consiglio d’Europa, del Pontificio Consiglio della Cultura, della Pastorale Nazionale del Turismo della Cei, dell’Anci, dell’Unpli, di Federculture e di Federcultura/Confcooperative.

IL PROGRAMMA

Il programma della manifestazione – ancora in via di definizione – prevede, tra gli altri eventi, il workshop “Reti di impresa per la promozione dei Siti UNESCO”; il primo meeting delle Capitali italiane della Cultura; il convegno “I Parchi naturali nell’Anno internazionale del Turismo Sostenibile” e il secondo meeting della Board degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie, che presenta alle istituzioni e al pubblico lo stato dell’arte degli Itinerari culturali nel nostro Paese. Al centro dell’attenzione, inoltre, il progetto dei Parchi Culturali Ecclesiali della Cei, il bicentenario della pubblicazione del “Viaggio in Italia” di Goethe e le prospettive della “nuova” Via della Seta. E ancora: installazioni d’arte, allestimenti iconografici, video e attività di promozione del patrimonio materiale e immateriale presente lungo gli itinerari culturali, visite guidate presso il Museo Nazionale Romano, l’area archeologica di Roma e il Parco Archeologico dell’Appia Antica, spettacoli, rievocazioni storiche e musica sacra.

UNA NUOVA ECONOMIA DELLA BELLEZZA

Il meeting fa inoltre parte di un percorso condiviso di creazione di una nuova “Economia della bellezza” (tema di questa edizione), alla quale possono collaborare enti pubblici, imprese creative e culturali e organizzazioni non governative e del terzo settore. Ampio risalto sarà dato alle forme contemporanee di fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale del Paese, con spazi di confronto sull’Anno Nazionale dei Borghi, che sta volgendo al termine, e sull’Anno europeo del patrimonio culturale, istituito dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell’Unione europea per il 2018. La manifestazione coinvolge tutti gli operatori pubblici e privati del settore turistico-culturale ed è aperta al pubblico. I partecipanti, immersi in ambienti e situazioni progettati per favorire processi di integrazione tra proposte culturali e modelli di gestione, potranno sviluppare importanti relazioni ed entrare a far parte di circuiti qualificati, nazionali e internazionali.

CAMMINI D’EUROPA

Cammini d’Europa è una rete di cooperazione internazionale, nata con il sostegno dell’Unione Europea e indirizzata a sostenere lo sviluppo e la crescita delle regioni e dei territori attraversati dai principali itinerari culturali. La rete, ispirata alla Convenzione di Faro del Consiglio d’Europa, riunisce in un partenariato stabile soggetti pubblici e privati che condividono una visione mirata ad accrescere il sentimento di appartenenza a una comune cultura europea.

Leggi anche:

Cammini d’Italia, Franceschini: il 2019 sarà l’anno del turismo lento

Rispondi