Camera Aula parlamento imprese culturaliLavori parlamentari rallentati questa settimana per l’esame della Legge di Bilancio e del decreto fiscale: l’Aula del Senato rimarrà chiusa per consentire i lavori delle commissioni interessate sulla manovra 2018, mentre alla Camera arriva il decreto fiscale approvato la scorsa settimana da Palazzo Madama. Con i lavori a Palazzo Madama fermi, la settimana della Cultura si concentrerà a Montecitorio, con l’arrivo in Assemblea della pdl sulle celebrazioni di Rossini. Prosegue poi in commissione Cultura l’indagine conoscitiva sulle buone pratiche della diffusione culturale.

LUNEDI’

Al via in Aula le discussioni generali della proposta di legge – già approvata dal Senato – Disposizioni per la celebrazione dei centocinquanta anni dalla morte di Gioachino Rossini. Relatrice è la deputata dem Irene Manzi. (per approfondimenti: Camera, da comm. Cultura mandato a Manzi (Pd) a riferire in Aula su Ddl Rossini)

MARTEDI’ 21

Prosegue in commissione Cultura l’indagine conoscitiva sulle buone pratiche della diffusione culturale. Prevista l’audizione di esponenti e testimoni di progetti di educazione alla cultura a scuola e sui territori. La scorsa settimana sono stati ascoltati Giampiero Guzzetti (Cultura, Guzzetti (Acri): da Fondazioni oltre 260 mln nel 2016, 25% del totale delle erogazioni) e Antonio Lampis (Musei, Lampis (Mibact): “La partecipazione culturale crea cittadini forti e socialmente più stabili”).

Le commissioni Affari costituzionali e Bilancio si riuniscono per l’esame del ddl “Disposizioni per la celebrazione dei centocinquanta anni dalla morte di Gioacchino Rossini”.

Sempre la commissione Bilancio esaminerà lo schema di decreto legislativo sul lavoro nel settore cinematografico e audiovisivo e lo schema di decreto legislativo sulla tutela dei minori nel settore cinematografico e audiovisivo. Relatrice dei due atti sarà Simonetta Rubinato (Pd).

CELEBRAZIONI DI OVIDIO

La commissione Ambiente avvia – in consultiva per la VII commissione – l’esame della proposta di legge sulle “celebrazioni per i duemila anni dalla morte di Ovidio”, arrivata blindata alla Camera ma che è stata emendata a più riprese al Senato e già approvata da quel ramo del Parlamento. Il testo mira a promuovere e valorizzare l’opera di Publio Ovidio Nasone in ambito nazionale e internazionale. A questi fini prevede l’istituzione di un comitato promotore e una dotazione economica di 350 mila euro, per ciascun anno, nel 2017 e nel 2018.

MERCOLEDI’ 22

La commissione Cultura si riunisce in consultiva pe l’esame del decreto fiscale approvato la scorsa settimana dal Senato. Tra le misure – in particolare – si estende a tutti gli organismi di gestione collettiva (e non anche alle entità di gestione indipendente) stabiliti in Italia, la possibilità di operare direttamente sul territorio italiano come intermediari per la gestione dei diritti d’autore, affiancandosi alla Società italiana autori ed editori (SIAE), che attualmente opera in regime di esclusiva.

Alle ore 10,30, presso la Sala Nilde Iotti di Palazzo Theodoli Bianchelli, viene presentato il libro “L’impatto del teatro in carcere – Misurazione e cambiamento nel sistema penitenziario”, di Filippo Giordano, Francesco Perrini, Delia Langer, Luigi Pagano, Giacinto Siciliano (Egea editore). Saluto introduttivo del questore della Camera, Stefano Dambruoso. Interventi, alla presenza degli autori, del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, del rettore dell’università Lumsa, Francesco Bonini, del capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Santi Consolo, del giornalista del Corriere della Sera, Luca Mattiucci, del direttore della fondazione Cortile dei Gentili, Laurent Mazas, del direttore generale Dap, Riccardo Turrini Vita.

GIOVEDI’ 23

RIEVOCAZIONI STORICHE

La commissione Bilancio riprende l’esame della proposta di legge – primo firmatario Ermete Realacci (Pd) – “Disposizioni per la promozione, il sostegno e la valorizzazione delle manifestazioni dei cortei in costume, delle rievocazioni e dei giochi storici” (relatore Giampiero Giulietti, Pd). La V commissione è in attesa della relazione tecnica del governo. Nel corso della seduta del 26 ottobre, il viceministro dell’Economia Enrico Morando ha fatto presente che le “criticità manifestate sul testo in esame dalla Ragioneria generale dello Stato riguardano, tra l’altro, il previsto utilizzo del Fondo per interventi strutturali di politica economica, in una misura pari a 2 milioni di euro annui a decorrere dal 2020”. A tale proposito, “una valutazione compiuta circa l’effettiva disponibilità delle risorse in parola non potrà che essere effettuata alla luce degli stanziamenti previsti dal disegno di legge di bilancio per il triennio 2018-2020”.

Alle 9,30, presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio, si svolge il convegno “La realtà si vede meglio dalla periferia”, incontro nazionale sulla rigenerazione delle periferie. Saluto introduttivo della Vicepresidente della Camera, Marina Sereni.

Rispondi