La tipografia Panetto & Petrelli, storica azienda con sede a Spoleto (Perugia), nata nei primi anni del 1900, dovrebbe essere considerata bene culturale da tutelare. È quanto chiedono al ministro dei Beni culturali i Cinque Stelle in un’interrogazione a risposta orale a prima firma Stefano Lucidi. “A seguito della crisi e del fallimento della società, una parte degli stabilimenti è già stata destinata ad attività commerciale, convertendo i magazzini in supermercato – si legge nel testo dell’interrogazione -. In particolare a fine ottobre 2017 è arrivata la notizia che tutto il complesso verrà convertito in supermercato e centro residenziale, e dello stesso rimarrà solo la facciata storica degli edifici principali, mentre tutto il resto verrà demolito (compresa la torre) e sostituito da un nuovo fabbricato”.

Secondo il parlamentare, tuttavia, “l’azienda, ai sensi dell’art. 10, comma 3, lettera d), del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (codice dei beni culturali e del paesaggio), può considerarsi a tutti gli effetti bene culturale, in quanto facente parte a pieno titolo delle ‘cose immobili e mobili, a chiunque appartenenti, che rivestono un interesse, particolarmente importante a causa del loro riferimento con la storia politica, militare, della letteratura, dell’arte, della scienza, della tecnica, dell’industria e della cultura in genere, ovvero quali testimonianze dell’identità e della storia delle istituzioni pubbliche, collettive o religiose’”. Da qui la richiesta al ministro Dario Franceschini di sapere “se intenda effettuare le opportune verifiche, di concerto con la locale Soprintendenza per i beni culturali, per accertare l’effettivo stato dei luoghi, dei macchinari e degli arredi del sito industriale ex Panetto e Petrelli” e se “intenda sensibilizzare i competenti organi, affinché verifichino la sussistenza dell’interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico del complesso industriale, rilasciando la relativa ‘dichiarazione dell’interesse culturale’” prevista dal codice dei beni culturali e del paesaggio.

Rispondi