art bonus firmeC’è tempo fino al 6 gennaio per partecipare al concorso per il progetto Art Bonus dell’anno, giunto alla sua seconda edizione. Consultando la sezione “Progetti per Regione” del sito www.concorsoartbonus.it, è possibile scegliere il proprio progetto preferito cliccando sul tasto vota. È possibile esprimere un’unica preferenza per ciascun progetto ma ogni utente ha la possibilità di votare più progetti. Sarà premiato il progetto che avrà ottenuto il maggior numero di voti, eletto da una Giuria popolare formata da tutti coloro che voteranno sulla piattaforma del concorso. Il premio consisterà in un riconoscimento simbolico rappresentato da una targa di ringraziamento consegnata al beneficiario e ai mecenati.

IL CONCORSO

Il concorso è un’iniziativa promossa da Ales Spa in collaborazione con Promo PA Fondazione – LuBeC (Lucca Beni Culturali). Esso nasce con l’obiettivo di “gratificare enti e mecenati che insieme hanno reso possibile il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale del Paese” e di “divulgare in maniera sempre più forte l’Art Bonus come opportunità, per cittadini e imprese, di dare valore alla cultura identitaria dei loro territori”.

Sono stati ammessi a partecipare i progetti pubblicati sul sito Art Bonus che hanno chiuso la raccolta fondi tra il 31 agosto 2016 e il 31 agosto 2017 mentre sono stati esclusi tutti i progetti che hanno partecipato alla I edizione 2016. In caso di più progetti con raccolta chiusa del medesimo beneficiario o concessionario, ad eccezione di casi particolari concordati con gli enti beneficiari, l’organizzazione ha stabilito di selezionare un unico progetto. Per la selezione di tale unico progetto, sono stati presi in considerazione i seguenti requisiti: maggior importo dell’intervento, stato di avanzamento dei lavori e, nel caso di raccolte pluriennali, raccolta più recente.

IL VINCITORE DELLA PRIMA EDIZIONE

La prima edizione del concorso è stata vinta dal progetto “Archeodromo di Poggibonsi” che riproduce in scala 1:1 il villaggio di periodo franco (IX – metà X secolo) nel quale si riconosce, come descritto nella scheda tecnica del progetto sul sito di Art Bonus, “la conformazione di una possibile azienda curtense con una residenza padronale costituita da una grande capanna circondata da diverse strutture più piccole destinate ad attività artigianali e all’immagazzinamento di derrate alimentari e prodotti agricoli, nonché da edifici di servizio”.

Approfondimenti:

Sito del concorso: https://www.concorsoartbonus.it/edizione2017/artbonus-2017/

Sito Art Bonus: http://artbonus.gov.it/

Rispondi