europa patrimonio culturaleCon l’obiettivo di rafforzare ulteriormente il settore culturale e creativo in Europa, il Fondo di garanzia del programma Europa creativa riceverà altri 60 milioni di euro attraverso il Fondo europeo per gli investimenti strategici. Le risorse del meccanismo di garanzia passano così da 121 a 181 milioni di euro: l’aumento dovrebbe generare più di un miliardo di euro in prestiti per migliaia di PMI culturali e creative. Altre banche e altre istituzioni finanziarie di tutta Europa saranno ora in grado di aumentare i finanziamenti.

Da luglio 2016 – quando è stato lanciato lo strumento di garanzia – sono già stati firmati accordi in Spagna, Francia e Romania; con l’aumento dei fondi saranno firmati quattro accordi aggiuntivi con intermediari finanziari in Repubblica Ceca, Italia e Belgio. Il meccanismo di garanzia aiuterà le PMI ad accedere ai finanziamenti per la produzione di film, programmi TV e radio, videogiochi, ma anche a investire in progetti creativi che coinvolgono diversi settori (architettura, archivi, biblioteche, musei, teatri, design, festival, musica, letteratura, editoria, arti visive, patrimonio culturale materiale e immateriale).

CHE COS’E’ IL FONDO DI GARANZIA

Nel contesto di un accesso limitato ai finanziamenti per il settore culturale e creativo, il programma Europa creativa (2014-2020) della Commissione europea ha lanciato uno strumento in grado di fornire garanzie agli intermediari finanziari (ad esempio le banche) che offrono finanziamenti a iniziative del settore. Il sistema di garanzia è gestito dal Fondo europeo per gli investimenti (parte del gruppo della Banca europea per gli investimenti) a nome della Commissione europea, e mira a rafforzare la capacità finanziaria e la competitività delle imprese del settore culturale e creativo.

2 Comments

  1. Pingback: Europa creativa: Fondo di garanzia per PMI, firmato il primo accordo transfrontaliero - AgCult

  2. Pingback: Europa creativa: Fondo di garanzia per PMI, firmato il primo accordo con la Francia – STUDIO GCOMUNICAZIONE

Rispondi