Rai Euyo Silvia Costa Beatrice Covassi“Con l’Anno del patrimonio culturale si rimette la cultura al centro del programma europeo, lo stesso presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, si è speso personalmente negli scorsi giorni per inserire l’Anno Ue della cultura nelle conclusioni dell’ultimo Consiglio europeo”. Lo ha ricordato Beatrice Covassi, capo della Rappresentanza della Commissione europea in Italia, nel corso del suo intervento in Rai in occasione della firma ufficiale che sancisce il trasferimento della sede dell’Orchestra giovanile europea in Italia. “La rappresentanza in Italia ha deciso di impegnarsi tantissimo sulla cultura” e nel 2018 “vogliamo accompagnare l’Anno europeo con un programma specifico per l’Italia che si chiamerà ‘Animus Loci’: sarà un percorso nei luoghi italiani significativi per la cultura europea come Ventotene, Norcia, Napoli. Vogliamo far ritrovare a tutti le radice europee”.

“L’Anno – aggiunge la Covassi – ci permetterà di ritrovare e riscoprire le nostre radici e identità. L’Europa è composta da identità multilivello che collaborano tra loro. La cultura può essere l’elemento per superare le attuali difficoltà e avviare una primavera europea profonda ed aperta ai cittadini”.

Articoli correlati:

Euyo, Costa: stanziati 600mila euro l’anno fino al 2020 per dare continuità e tranquillità al progetto

Euyo, Franceschini: Trasferimento della sede in Italia è un grande successo

Musica, l’Orchestra Giovanile Europea (Euyo) sbarca in Italia

Rispondi