Piiil PugliaQuattordici milioni e duecentocinquanta mila euro. A tanto ammonta la dotazione finanziaria prevista, a valere sulle risorse del “Patto per la Puglia” – Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020, per sostenere iniziative culturali nell’ambito della danza (5,5%), della musica (48%), del cinema (5%), del teatro (40%), dello spettacolo circense (1,5%) e promuovere la produzione culturale come volano di sviluppo economico e d’integrazione sociale, oltre che di valorizzazione del capitale umano, storico, artistico e architettonico di Puglia. Lo comunica la Regione Puglia. “Una vera e propria riforma del sistema culturale, quella voluta dall’Assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, in sinergia con le Associazioni di Categoria e tutto il Partenariato socio-economico, che ha introdotto elementi di forte novità e modernizzazione del sistema complessivo di aiuti al settore”. “Abbiamo osato, spingendo l’asticella della qualità e della programmazione pluriennale – ha detto l’assessore regionale Loredana Capone – ma la quantità e la qualità dei progetti presentati testimoniano il successo di questo avviso. Una sfida che abbiamo vinto tutti insieme ma che, soprattutto, marca l’enorme impegno profuso dalle imprese e dai Comuni pugliesi che hanno dato prova di una grande capacità progettuale e imprenditoriale riconoscendo il valore irrinunciabile del saper fare rete”.

“Con questo avviso – ha aggiunto – abbiamo voluto mettere operatori e istituzioni nelle condizioni di uscire fuori dall’estemporaneità della programmazione per progettare su un periodo medio lungo. Tre anni per programmare le attività facendo attenzione a mettere in campo un’offerta sempre più di qualità e capace di essere competitiva a livello regionale e nazionale. Ovviamente le risorse non bastano per premiare tutti i progetti. Ma saranno integrate con quelle stanziate col Fus regionale tramite il bandino e noi siamo già impegnati in tutte le verifiche del caso per puntare ad incrementarle”. “Intanto, nelle prossime settimane, si svolgeranno le procedure di negoziazione a seguito delle quali sarà pubblicata la graduatoria provvisoria dei progetti finanziati. La valutazione dei progetti, sulla base di criteri oggettivi fissati dal bando, è stata eseguita da una commissione coadiuvata, per gli aspetti legati alla qualità artistica, da un esperto per ciascuna delle categorie dello spettacolo: per il teatro Pietro Valenti, per la danza Daniele Sepe, per il cinema Antonella Gaeta, per la Musica Pierfrancesco Pacoda. La nuova programmazione regionale si sviluppa in coerenza con le azioni del Piano strategico della cultura, PiiiL Cultura Puglia, in un’ottica di valorizzazione dei talenti, delle competenze e della creatività”.

Rispondi