Campidoglio RomaLa Sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato un’ordinanza per la nomina dei membri del Comitato per la Qualità Urbana ed Edilizia di Roma Capitale (Co.Q.U.E.). È quanto si legge in una nota del Campidoglio. Il Comitato, la cui nomina effettiva era ferma da due anni, è composto da 11 membri selezionati tramite Avviso pubblico sulla base di comprovata esperienza professionale o accademica nelle discipline edilizia ed urbanistica, della progettazione architettonica e urbanistica, della trasformazione del paesaggio urbano e della sostenibilità urbana ambientale, della bioarchitettura e risparmio energetico. Si tratta di un organo consultivo istituito al fine di garantire la qualità architettonica e urbana degli interventi sul territorio di Roma Capitale con particolare riferimento all’espressione di pareri obbligatori su interventi edilizi relativi a immobili ricadenti nelle componenti della città storica. Il Co.Q.U.E., come previsto dal Regolamento interno, d’intesa con gli uffici capitolini elabora criteri e linee guida per la qualità urbanistica, architettonica ed edilizia della progettazione coerentemente con gli indirizzi del PRG vigente e può avviare forme di consultazione con Università, Centri di Ricerca, Ordini e Collegi professionali. Il Comitato inoltre può visionare i progetti presentati all’Amministrazione ed ha un rapporto diretto con il territorio. I Municipi, infatti, per progetti di particolare rilevanza nelle loro competenze possono chiedere il parere del Co.Q.U.E..

LUCA MONTUORI

In una nota l’Assessore all’Urbanistica di Roma Capitale Luca Montuori ha commentato la decisione del Campidoglio: “Garantire la qualità dello spazio urbano complessivo. Questo uno degli obiettivi che come Amministrazione capitolina e come Assessorato ritengo fondamentale raggiungere per il bene di questa città. Ed è in questa prospettiva, quindi, che grazie all’ordinanza firmata dalla Sindaca finalmente, dopo diversi anni in cui mancava, torna ad essere nominato il Comitato per la Qualità Urbana ed Edilizia di Roma Capitale (Co.Q.U.E.)”. “In un contesto in cui il governo capitolino deve necessariamente confrontarsi con le leggi regionali che purtroppo non sempre permettono al territorio di avere la giusta tutela è importante che una città come Roma possa dotarsi di strumenti e linee guida imprescindibili, per giungere presto anche all’avvio di una discussione ampia che possa portare attorno ad un unico tavolo le migliori esperienze europee per ragionare a tutto campo su Roma, la sua città storica e la sua periferia”, conclude.

Rispondi