Franceschini intesa San Paolo turismoCinque miliardi di euro destinati a una platea di oltre 550mila aziende che operano nel settore turistico. È l’entità dell’intervento che Intesa Sanpaolo ha messo in campo a favore del settore in collaborazione e col sostegno del Ministero dei Beni culturali e del Turismo. L’accordo tra il Mibact e l’istituto di credito è stato siglato oggi al Collegio Romano. Ma quanto vale il turismo in Italia? “Circa 185 miliardi di euro e occupa circa 3 milioni di persone. Nessun altro settore ha visto una crescita simile. Sarà l’Italia in grado di cogliere questa opportunità?” si è chiesto Gregorio De Felice di Intesa Sanpaolo illustrando la ricerca condotta dall’istituto. “Il potenziale c’è tutto – ha spiegato -. L’Italia è al quinto posto delle top destination. Una caratteristica peculiare è la diversificazione del turismo: città d’arte, località marine, montane e termali. Per l’Italia è preponderante il turismo che viene dall’Europa. Ma è anche il paese europeo con il numero maggiore di turisti cinesi, 4.5 milioni di persone”. Rimane tuttavia un problema dimensionale: “Abbiamo una struttura di accoglienza molto frammentata e poche catene alberghiere”.

Le stime, eseguite considerando sia gli effetti diretti del turismo sull’economia nazionale che quelli indiretti (derivanti dall’indotto che gravita attorno alle imprese turistiche), indicano un peso dell’11% circa del settore sul PIL e del 12,5% sull’occupazione. Si tratta inoltre di un settore, quello turistico, che sta vivendo un momento di forte crescita. Fondamentale in tal senso si sta dimostrando il contributo del turismo straniero. L’Italia è la prima “dream destination” al mondo: gli arrivi di turisti non residenti sono cresciuti del 35,8% tra il 2008 e il 2016, secondo le rilevazioni Istat, raggiungendo quota 56,8 milioni; nel medesimo periodo, le presenze (numero di notti trascorse negli esercizi ricettivi) sono aumentate del 23,3%, per un complessivo pari a 199,4 milioni e un grado di internazionalizzazione prossimo al 50%. Se si sommano anche i turisti residenti, si giunge ad un totale di 117 milioni di arrivi e 403 milioni di presenze nel 2016. L’anno che si è appena concluso si profila inoltre come il migliore del decennio: tanto i dati preliminari Istat quanto le indagini previsionali promosse da altre fonti si dimostrano concordi nel sottolineare una ulteriore crescita di arrivi e presenze nel 2017, con impatti positivi sui ricavi. Il nostro Paese può infatti contare su un’offerta turistica diversificata, che va dal turismo d’arte a quello marino, dal lacuale al montano, fino ad arrivare al termale e alle nuove forme di turismo escursionistico ed enogastronomico. Nonostante, ad oggi, resti preponderante la componente di turismo europeo, stanno aumentando i visitatori provenienti da paesi emergenti, con un ruolo di primo piano dell’Asia.

LA DOMANDA TURISTICA

La domanda turistica internazionale si presenterà in forte crescita anche negli anni a venire, nell’ordine di un 3,3% medio annuo da qui al 2030, secondo le stime UNWTO (United Nations World Tourism Organization). Sarà quindi necessario che il nostro Paese si doti degli strumenti necessari per agganciare il trend e creare un vantaggio competitivo del nostro sistema turistico: rispondere alle nuove esigenze dei viaggiatori significa ristrutturare ed ammodernare le strutture ricettive, incrementare la qualità dell’accoglienza e della formazione degli operatori attraverso processi di innovazione e digitalizzazione, anche facendo proprio il modello espresso da Industria 4.0, nonché migliorare la raggiungibilità delle destinazioni. “Investire” rappresenta, in termini sintetici, la parola chiave nell’orizzonte di medio-lungo termine.

L’ACCORDO MIBACT-INTESA SANPAOLO

L’accordo siglato oggi rappresenta un punto di incontro delle azioni portate avanti sia da MIBACT che da Intesa Sanpaolo a supporto e per lo sviluppo del sistema turistico e culturale. Con il Piano Strategico del Turismo 2017-2022 il Governo ha infatti individuato le linee guida strategiche per lo sviluppo del settore: innovazione tecnologica e organizzativa, valorizzazione delle competenze, qualità dei servizi, rilancio e consolidamento della filiera allargata del turismo fino a cultura ed enogastronomia. Direttrici, tuttavia, non sempre facilmente assimilabili per le molte micro/piccole imprese che contraddistinguono l’offerta turistica italiana. Se infatti, da un lato, la ricettività italiana si posiziona al primo posto tra i concorrenti europei in termini di numero di alberghi e posti letto, dall’altro resta un serio problema dimensionale delle imprese turistiche. Una indagine condotta recentemente da Intesa Sanpaolo su un campione significativo di imprese turistiche nazionali individua proprio nella questione dimensionale il principale freno agli investimenti, volano di crescita. Occorre dunque implementare strumenti che favoriscano forme di integrazione fra le imprese, sviluppo di modelli reticolari di offerta ricettiva, riposizionamento all’interno delle dinamiche internazionali delle filiere/reti del settore, e facilitino tanto la promozione di innovazione, digitalizzazione e creatività, quanto il rafforzamento organizzativo e culturale del sistema imprenditoriale.

LE LEVE INDIVIDUATE

– Individuazione di strumenti per estendere al settore del turismo le opportunità offerte dal Piano Impresa 4.0, in particolare per rendere ammissibili ai benefici del superammortamento e dell’iperammortamento anche i progetti di ristrutturazione e riqualificazione degli edifici destinati al turismo e alla cultura;

– Valorizzazione del settore turistico nelle valutazioni di merito creditizio. Oltre al tema della coerenza dei singoli progetti con le priorità previste dal Piano Strategico del Turismo (PST) e dai Piani attuativi annuali, verrà riservata un’attenzione particolare alle formule di aggregazione, come strutture diffuse e filiere orizzontali. Verranno inoltre valorizzati fattori intangibili come qualità del management, formazione, utilizzo di canali internet di vendita o di metriche basate sui giudizi espressi dalla clientela (es. web reputation).

– Iniziative di sostegno mediatico e culturale. Organizzazione di eventi ad alta attrattività mediatica, volti a “raccontare l’Italia e il suo territorio”, passando dall’approccio di viaggio generico e tradizionale a quello esperienziale ed emozionale. Attivabili anche iniziative trasversali per cogliere al meglio le opportunità offerte dall’Art bonus.

– Iniziative formative finalizzate a sviluppare percorsi di crescita professionale e manageriale. Intesa Sanpaolo renderà disponibili metodologie e contenuti formativi adottati al proprio interno, fruibili anche in modalità e-learning personalizzabile. Offrirà assistenza per la ricerca e l’utilizzo di fondi per la formazione continua, anche con forme di prestito d’onore per consentire la formazione degli studenti non solo a livello accademico.

GLI ALTRI INTERVENTI

Intesa Sanpaolo potrà inoltre arricchire i contenuti dell’accordo attraverso i numerosi progetti già attivati per il settore turistico e culturale: la presenza di modelli di analisi dei progetti alberghieri, a disposizione di tutte le filiali, atti a valutare le peculiarità specifiche del settore turismo; il programma “sviluppo filiere” che considera, ai fini valutativi di una impresa, il valore rappresentato dall’appartenenza ad una filiera di eccellenza, con effetti migliorativi sul merito creditizio e sulle condizioni del credito; la presenza di una specifica offerta dedicata alle imprese turistiche, in termini di servizi e di finanziamenti, che prende in considerazione sia le esigenze di stagionalità che la tipicità delle forme di incasso; la partnership nella creazione del portale “Destination Italia”, B2B e B2C, che rappresenta una valida alternativa all’intermediazione online; la creazione dell’iniziativa e-commerce “Destination Gusto”, che consente alle imprese agroalimentari d’eccellenza di ampliare la propria attività commerciale tramite le vendite on-line; la recente creazione di una piattaforma di crowdfunding che consente, a clienti e non clienti, di contribuire alla realizzazione di progetti in ambito sociale e culturale; la gestione del patrimonio culturale della Banca tramite “Gallerie d’Italia”.

IL MINISTRO FRANCESCHINI

Il ministro Dario Franceschini, padrone di casa, ha definito questa intesa “molto importante perché segna un cambio di passo del sistema Paese nei confronti del turismo e delle sue potenzialità”. Quattro anni fa “abbiamo ereditato un settore complicato. Abbiamo attraversato un periodo di incertezza derivante dall’esito del referendum. Il Parlamento ha fatto molte scelte nuove e positive sul turismo. Abbiamo lavorato con le regioni, gli enti locali, gli operatori pubblico e privati per redigere il piano strategico del turismo. Averlo scritto insieme – pubblico e privato – consente al sistema paese di avere una cornice di obiettivi implementati anno per anno dentro la quale ognuno fa la propria parte”.

Mentre negli altri settori il tema è uscire dalla crisi, “nel turismo è governare una crescita impetuosa. Non esagero. I numeri che avete visto segnano che saremo di fronte a una crescita enorme. I numeri assoluti cresceranno. La Cina nel giro di qualche anno crescerà e supererà gli altri. Abbiamo bisogno di moltiplicare gli attrattori turistici e tutte le iniziative di questi anni puntano a questo. Puntare a un turismo alto che viene in Italia perché può spendere e portare ricchezza, che torna e che è in grado di capire e rispettare il nostro patrimonio”. Per fare queste cose, ha concluso il ministro, “il pubblico può sostenere oltre che condividere le linee strategiche, tutto il resto lo deve fare il privato. Una grande banca come Intesa ha capito che questo è un settore in crescita. C’è bisogno di fare investimenti”. Soprattutto, “dobbiamo aumentare il livello delle strutture ricettive e la formazione. Noi volentieri supportano questo intervento di Intesa SanPaolo”.

STEFANO BARRESE (INTESA SANPAOLO)

“Nel nostro Paese la sfida del turismo si gioca sulla capacità di creare valore su una ampia filiera, grazie ad un reticolo efficiente costruito su investimenti, innovazione, cultura, formazione, offerta integrata e digitale – spiega Stefano Barrese, responsabile Divisione Banca dei Territori Intesa Sanpaolo -. Il nostro Gruppo crede fermamente nel settore turistico, uno tra quelli di maggiore crescita nel medio-lungo periodo. Siamo a disposizione per trovare soluzioni che consentano di estendere al turismo le opportunità offerte dal Piano Impresa 4.0 e consideriamo le imprese del settore tra quelle oggetto di particolare valorizzazione nelle nostre valutazioni di merito creditizio e commerciale, anche grazie alla coerenza dei loro progetti di sviluppo con le priorità previste dal Piano Strategico del Turismo ed alla loro capacità di coinvolgere settori trainanti dell’economia italiana come l’agroalimentare e la cultura”.

Rispondi