Renzi Giampaolo Talani“Giampaolo Talani è stato un artista vero. Le sue opere resteranno nel cuore di chi sa gustare lo stupore. A questo serve l’arte: a farci colpire di nuovo dalla meraviglia. Ti sia lieve la terra, amico mio #solograzie”. Così il segretario del Partito democratico, Matteo Renzi, ha commentato su Twitter la notizia della morte del pittore e scultore Giampaolo Talani. Dolore è stato espresso anche dal senatore Pd Andrea Marcucci, presidente della commissione cultura di Palazzo Madama. “Piango un grande artista contemporaneo e soprattutto un amico di lungo corso. Giampaolo lascia un ricordo indelebile della sua arte e delle sue opere, che oggi arricchiscono il panorama di tante città. Le sue sculture per il bicentenario della morte di Garibaldi, con quella sua lettura così personale dell’eroe del Risorgimento, restano immortali così come gran parte della sua produzione artistica, a partire dall’affresco posto alla stazione fiorentina di Santa Maria Novella. Giampaolo è morto troppo presto, lasciando un vuoto incredibile di umanità, entusiasmo e maestria”. Sempre a un cinguettio ha affidato il suo pensiero il sindaco di Firenze, Dario Nardella: “Caro Giampaolo #Talani da oggi ci vedrai da lassù. La tua amata #Firenze quaggiù ti conserverà nel cuore e stringerà tra le braccia le opere che le hai donato, per sempre. Addio”.

Giampaolo Talani è nato a San Vincenzo (LI) nel 1955. Dopo il Liceo Artistico a Lucca e a Firenze – si legge sul suo sito ufficiale – frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze dove ha come maestro Goffredo Trovarelli. Nel corso dei suoi studi sperimenta tutte le tecniche classiche dell’arte per poi aderire alla pittura, dedicandosi anche alla tecnica dell’affresco di cui è uno dei massimi conoscitori contemporanei. Negli anni giovanili realizza il grande ciclo di dipinti a fresco nella chiesa di San Vincenzo a cui seguono altri lavori: la “Predica di San Bernardino” sulla facciata del Palazzo Vescovile di Massa Marittima, l’Ultima Cena e la Resurrezione di Lazzaro per il Santuario della Madonna del Frassine e la Madonna di Populonia. Talani si è successivamente affermato anche come autore di opere in bronzo nelle quali disloca tridimensionalmente le sue icone figurative ampiamente esplorate in pittura: il marinaio, il partente, l’uomo che attraversa il mare, il cercatore di pesci, la donna.

Rispondi