palcoscenico spettacolo manovra lombardiaOltre 17 milioni di euro, “spalmati” su 4 diverse delibere. A tanto ammonta lo stanziamento di risorse, destinate al settore della cultura e dello spettacolo dal vivo, deciso dalla Regione Lombardia e approvato oggi dalla Giunta Regionale.

LA PRIMA DELIBERA: OLTRE 7 MLN DI EURO

Più di 7 milioni di euro serviranno a finanziare attività culturali ed espositive, eventi, spettacolo dal vivo, cinema e audiovisivi, sale dello spettacolo e imprese culturali e creative. Nel dettaglio:

a) 350.000 euro per la convenzione sottoscritta per il triennio 2016/2018 con il Dipartimento Lombardia della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia;
b) 120.000 euro per la convenzione sottoscritta per il triennio 2016/2018 con Fondazione Cineteca Italiana;
c) 400.000 euro la convenzione sottoscritta per il triennio 2016/2018 con la Fondazione Lombardia Film Commission;
d) 4.949.780 per la partecipazione, attraverso l’assegnazione di contributi di gestione, all’ente Autonomo del Piccolo Teatro della Città di Milano – Teatro d’Europa, Fondazione I Pomeriggi Musicali di Milano, Fondazione Teatro Alla Scala, Associazione Centro Teatrale Bresciano;
e) 50.000 euro per la realizzazione del “Festival internazionale di musica barocca” a Pavia;
f) 990.790 euro per il progetto “OperaLombardia” e le iniziative di alto valore artistico;
g) 20.000 euro per l’iniziativa “Invito a Teatro”;
h) 535.700 euro per la realizzazione di “Next 2018-2019”;
i) 100.000 euro per le residenze artistiche di spettacolo (triennio 2018/2020) e 10.000 euro per la realizzazione di un convegno in collaborazione con Mibact e Associazione Etre.

LA SECONDA DELIBERA: SOSTEGNO ALLE RESIDENZE ARTISTICHE

Il documento che ha ricevuto l’ok dalla Giunta approva lo schema di accordo di programma triennale con il Mibact per il sostegno delle attività delle residenze artistiche, che prevede un cofinanziamento regionale pari 100.000 euro.

LA TERZA DELIBERA: AUTO-IMPRENDITORIALITA’

Il provvedimento decide lo stanziamento di 2.000.000 di euro per la “Digitalizzazione del patrimonio culturale e sostegno alle imprese culturali e creative”; la “Promozione di misure per sostenere l’occupazione e l’occupabilità femminile”; la “Promozione dell’occupazione con particolare riguardo ai giovani, alle donne e agli over 40”.
L’iniziativa – si legge nel documento – è finalizzata a offrire alle persone disoccupate, in particolare giovani, un percorso di formazione/accompagnamento alla creazione di un’impresa nel settore culturale e creativo, da insediare in spazi pubblici inutilizzati messi a disposizione da soggetti pubblici o privati che li hanno in gestione, che saranno coinvolti nel progetto fin dalle fasi iniziali.

LA QUARTA DELIBERA: OLTRE 8 MLN PER CHI OPERA NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI

In questa delibera vengono approvati i criteri e le modalità per l’assegnazione di contributi regionali a sostegno di soggetti che operano nel campo delle attività e dei beni culturali, con una dotazione complessiva per la concessione di contributi nel settore culturale, a seguito della partecipazione a un bando pubblico, di 8.057.000 euro. Nel dettaglio:

– 533.333 euro per la concessione dei contributi di promozione educativa e culturale;
– 450.667 euro a favore di biblioteche e archivi storici;
– 728.000 euro a favore di musei;
– 140.000 euro per la catalogazione del patrimonio culturale;
– 130.000 euro per il settore cineaudiovisuale;
– 250.000 euro per il settore musicale e di danza;
– 945.000 euro per la produzione teatrale;
– 360.000 euro per i Circuiti di spettacolo;
– 400.000 euro per la promozione educativa culturale;
– 150.000 euro per festival musica e danza;
– 570.000 euro per la valorizzazione della lingua lombarda e del patrimonio immateriale;
– 1.900.000 euro per interventi urgenti per la valorizzazione dei beni culturali della Lombardia;
– 1.500.000 euro per le aree archeologiche, i siti iscritti o candidati alla lista Unesco e itinerari culturali.

L’ASSESSORE CAPPELLINI: “POTENZIAMENTO DELLE RICCHEZZE CULTURALI”

“Oltre 17 milioni di euro per la cultura in Lombardia – ha commentato l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini -. Un ulteriore grande sforzo da parte della giunta Maroni, con la messa a disposizione di grandi risorse e nuovi strumenti di attuazione delle politiche culturali regionali, in un’ottica di potenziamento delle nostre ricchezze culturali, sia dal punto di vista del patrimonio che delle attività, con uno sguardo particolare anche al settore delle imprese culturali e creative. Teniamo conto del fatto che queste risorse vanno ad aggiungersi al fondo già stanziato per gli interventi relativi alle sale dello spettacolo, il cui bando si aprirà il 23 gennaio prossimo, e a quello destinato, più in generale, ai beni culturali che si aprirà nel mese di febbraio, per un ammontare complessivo di 7,5 milioni di euro”.

Rispondi