CinemaSono aperte fino al 15 marzo 2018 le iscrizioni alla prima scadenza per il 2018 del Fondo di sostegno allo sviluppo di coproduzioni di opere cinematografiche tra Francia e Italia, giunto alla sua decima edizione. L’aiuto è rivolto a progetti di opere cinematografiche, indipendentemente dal genere, destinati ad una prima diffusione nelle sale cinematografiche e di durata superiore a 75 minuti. L’aiuto viene erogato in forma di sovvenzioni per una dotazione annuale pari a 500 mila euro, di cui 250 mila messi a disposizione dal Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo e 250 mila dal Centre National du Cinéma et de l’Image Animée (CNC). Ciascun progetto potrà ricevere un sostegno non superiore al 70% del preventivo di sviluppo e non superiore a 50 mila euro.

ACCESSO AL FONDO

Il Fondo di sostegno allo sviluppo di coproduzioni di opere cinematografiche tra Francia e Italia è stato creato a seguito della firma dell’accordo tra il Presidente del CNC, Èric Garandeau, e dal Direttore generale per il Cinema del Mibact, il 21 maggio 2013, destinato a incoraggiare le coproduzioni artistiche franco-italiane di opere cinematografiche di lungometraggio. I progetti devono prevedere la realizzazione di un’opera di lungometraggio, prodotta nell’ambito di una coproduzione franco-italiana e a prioritario sfruttamento in sala esprimendo un potenziale artistico e culturale per entrambi i mercati, francese e italiano.

Le opere che intendono accedere al Fondo devono prevedere almeno un produttore con sede legale in Francia e almeno un produttore con sede legale in Italia. Gli apporti dei due Paesi possono variare da un minimo del 20% ad un massimo dell’80%, quote da commisurare in base al contributo tecnico ed artistico di ciascun co-produttore. Non possono beneficiare di alcun aiuto le coproduzioni che non comportino alcun contributo tecnico e artistico proporzionale agli apporti finanziari (c.d. coproduzioni finanziarie). Altresì non possono accedere ai benefici i progetti che abbiano richiesto un fondo per la produzione a istituzioni regionale, nazionale o europea o per i quali sia stata già presentata la richiesta di nazionalità preventiva.

L’aiuto è finalizzato a sostenere spese di sviluppo quali la remunerazione degli autori per il lavoro di scrittura necessario allo sviluppo della sceneggiatura finale e l’acquisizione da parte del produttore dei diritti di adattamento e di sfruttamento cinematografico del progetto, spese accessorie relative alla scrittura e allo sviluppo del progetto tra le quali rientrano lavori di ricerca, sopralluoghi, documentazione e traduzione. Per quanto riguarda i film di animazione potranno essere presi in considerazione i costi di sviluppo grafico e il costo di produzione di una copia pilota.

Raccolta la documentazione relativa alle domande presentate, una commissione, denominata Commissione franco-italiana per il sostegno allo sviluppo – composta da sei componenti, tre designati dal Mibact e tre dal CNC – provvederà a stabilire quali progetti potranno accedere al Fondo. La Commissione è. L’erogazione della sovvenzione sarà responsabilità del Mibact per i produttori o detentori dei diritti della sceneggiatura con sede legale in Italia e responsabilità del CNC per quelli con sede in Francia. Il produttore italiano – maggioritario, minoritario o paritario – dovrà inviare la documentazione richiesta in italiano per il Mibact entro e non oltre giovedì 15 marzo 2018 all’indirizzo di posta elettronica FSIF@beniculturali.it. La stessa documentazione tradotta in francese dovrà essere inviata dal produttore italiano – in accordo con il coproduttore francese – per il progetto per il quale si richiede il sostegno economico al CNC all’indirizzo ADFI@cnc.fr.

Approfondimenti:

Link al concorso: http://www.cinema.beniculturali.it/Notizie/4632/68/fondo-sviluppo-coproduzioni-italia-%E2%80%93-francia-prima-scadenza-2018-aperte-le-iscrizioni/

Rispondi