Ville Palladiane“Le ville del Palladio non sono solo un gioiello architettonico, ma sono parte costitutiva del paesaggio veneto. Sono luoghi dell’arte e dello spirito, ‘fabbriche’ che hanno plasmato e trasformato l’ambiente circostante diventando scenari di bellezza unici al mondo”. Con queste parole il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha presenta il nuovo atlante cartografico, edito dalla Regione, dedicato alle 24 ville del Palladio presenti nelle diverse province venete, da Verona a Venezia, da Vicenza Rovigo, da Padova e Treviso. “‘Contesti paesaggistici delle ville di Andrea Palladio’ (questo il titolo della pubblicazione di 260 pagine in elegante carta patinata) – si legge in una nota della Regione – mette a fuoco non solo il valore architettonico delle 24 creazioni palladiane, ma soprattutto la storia e il contesto ambientale e paesaggistico nel quale hanno preso forma e che hanno contribuito a plasmare”.

“L’atlante, curato dall’architetto Sandro Baldan della Direzione pianificazione territoriale della Regione Veneto e realizzato con la collaborazione di un ventina di istituzioni tra cui l’archivio di Stato austriaco, l’istituto geografico militare di Firenze, gli archivi di Stato del Veneto, il Ministero per i Beni Culturali, il Centro internazionale di studi di architettura Andrea Palladio, analizza, documenta e valorizza per la prima volta le trasformazioni territoriali avvenute nei secoli nei contesti paesaggistici di tali ville. Si tratta di una pubblicazione unica, originale per genesi e utilizzo. Nasce infatti dagli studi per elaborare il Piano Paesaggistico regionale, strumento previsto dal piano territoriale regionale di coordinamento e vincolante per la pianificazione locale”.

“La tutela e la conservazione della memoria dell’identità agraria e sociale, nonché artistica e culturale, delle ville venete, riconosciute dall’Unesco ‘patrimonio dell’umanità’ è e continuerà ad essere uno dei cardini del piano paesaggistico veneto – ha aggiunto Zaia –. Contesti paesaggistici come villa Barbaro a Maser, la Rotonda a Vicenza, villa Godi a Lugo, villa Cornaro a Piombino Dese o villa Serego a San Pietro in Cariano, solo per citarne alcuni, sono diventati emblemi universali di quella ‘civiltà delle ville’ che rende il Veneto una regione nota e amata in tutto il mondo. Questo volume aiuta a ‘leggere’ il paesaggio storico palladiano, a valorizzare e tutelare i contesti territoriali delle sue ville, favorendo così la conoscenza di una delle più alte espressioni della cultura veneta”.

“Il volume, frutto del lavoro di studio e approfondimento iniziato nel 2016, raccoglie in modo sistematico per ogni villa le mappe storiche dal ‘500 al ‘700, i catasti ottocenteschi napoleonici e austriaci, le mappe militari ottocentesche della Kriegskarte del cartografo austriaco Von Zach, le tavolette storiche dell’Istituto Geografico Militare, i voli RAF 1944-45, i voli GAI 1954-55 e le recenti Ortofoto del 2012. Il confronto tra antiche cartografie, foto storiche e immagini attuali consente di documentare in modo analitico e puntuale le trasformazioni territoriali avvenute in queste particolari aree ‘di tutela e valorizzazione paesaggistica’. Scandiscono la sequenza di cartografie, mappe e immagini i contributi di alcuni tra i più autorevoli studiosi del paesaggio storico palladiano e della cultura veneta, tra cui Massimo Rossi, responsabile della cartoteca della fondazione Benetton di Treviso, Francesca Fantini D’Onofrio, direttrice dell’Archivio di Stato di Padova, Giovanni Caniato archivista di Stato a Venezia, Mattea Gazzola della biblioteca Bertoliana di Vicenza, Francesco Antoniol, storico della bonifica, Antonio Foscari, storico e proprietario di ‘villa Foscari – La Malcontenta’, e Giancarlo Pinaffo, agronomo. Il volume è consultabile presso le amministrazioni comunali e le biblioteche dei comuni che ospitano le ville palladiane, gli Archivi di Stato e le Sovrintendenze del Veneto, i fondi specializzati, le biblioteche universitarie e quelle dei maggiori istituti culturali e fondazioni del Veneto. Copie dell’atlante cartografico delle ville venete sono state inviate, inoltre, alle maggiori biblioteche e agli istituti storici e urbanistici di rilievo nazionale, nonché alle quattro università venete, ai relativi istituti di architettura, pianificazione paesaggistica, storia dell’arte e agli ordini e collegi delle professioni legate all’urbanistica e alla pianificazione territoriale. Gli studiosi e gli studenti interessati possono richiedere copia dell’atlante cartografico alla Direzione pianificazione territoriale all’indirizzo e-mail pianificazioneterritoriale@regione.veneto.it”.

Rispondi