Go Sud concorsoGo Sud è un concorso di idee per la promozione dei beni culturali del Mezzogiorno. Nato da un’idea del professore Ludovico Solima, e organizzato dal Gruppo del Mezzogiorno dei Cavalieri del lavoro per la Campania, Basilicata, Puglia e Calabria, patrocinato da MiBACT e ANCI. Il Concorso è riservato a giovani tra i 18 ed i 25 anni residenti nelle regioni meridionali di interesse del Gruppo Mezzogiorno e a individui appartenenti alle categorie svantaggiate attivi in cooperative, imprese sociali o in altre forme organizzative no-profit. Due i bandi, scaduti lo scorso 30 di dicembre, in fase avanzata di definizione, mentre le premiazioni si terranno a febbraio 2018. La prima azione prevede la realizzazione di videoclip finalizzati alla valorizzazione dei luoghi della cultura presenti nei “centri minori” delle regioni del Mezzogiorno e riservato a giovani tra i 18 ed i 25 anni. Due i premi previsti: un Premio Giuria e un Premio social (per il video che totalizzerà il maggior numero di “like” sulla pagina Facebook ufficiale del Concorso). I videoclip – brevi storie di durata non superiore ai due minuti e 30 secondi dove concentrare l’essenza del Mezzogiorno italiano tra paesaggi incantati e un entroterra ancora da scoprire – sono online sulla pagina Facebook del Concorso Go Sud 2017. La giuria, presieduta da Massimo Moschin, presidente di Laminazione Sottile Spa, è composta, tra gli altri, dal Sottosegretario di Stato al MiBACT, Dorina Bianchi e dal Direttore Generale del Turismo, Francesco Palumbo.

DORINA BIANCHI

Queste le parole del Sottosegretario Bianchi: “Il concorso Go Sud coinvolgerà i ragazzi del Mezzogiorno quali ambasciatori delle loro terre trasformandoli in protagonisti fattivi. Sono certa che saremo sorpresi dai video clip che realizzeranno, spronati dalla ricerca del bello saranno in grado di catturare immagini ed emozioni mostrando tutte le potenzialità dei luoghi scelti, trasformando i loro racconti in un formidabile marketing territoriale innovativo ed efficace al tempo stesso. Il turismo è il vero protagonista nella valorizzazione dei territori e delle tradizioni locali italiane, perché coniuga due elementi fondamentali come il desiderio di conoscere il patrimonio culturale di un territorio e la volontà di approfondire la storia dei popoli e dei loro folclori. Il settore turistico dimostra, ancora una volta che è in grado di offrire numerose opportunità alle nuove generazioni ed essere la chiave di volta per l’occupazione giovanile soprattutto nel sud del Paese”.

LA SECONDA AZIONE

La seconda azione prevede la realizzazione di merchandising di qualità per la valorizzazione dei luoghi della cultura del Mezzogiorno a cura di associazioni no profit, imprese e cooperative sociali. L’obiettivo è la produzione di oggetti di alto contenuto artistico, ispirati alle collezioni permanenti dei musei con l’idea di coniugare le tradizioni artigianali con la valorizzazione del patrimonio culturale conservato nei musei.

Presidente di giuria è Gianni Russo, mentre tra i giurati figura Antimo Cesaro Sottosegretario di Stato al MiBACT che, durante la conferenza stampa di presentazione a Napoli, ha voluto sottolineare che: “cultura, creatività, giovani, Mezzogiorno sono i punti di forza del concorso, che ha una specifica attenzione all’inclusione di alcune fra le fasce più deboli della popolazione: immigrati, disabili e detenuti. Il MiBACT negli ultimi anni sta puntando sul binomio beni culturali-turismo, asset strategici per il Paese, che hanno bisogno di un processo di valorizzazione partecipativo. Iniziative come Go Sud intercettano questa necessità, configurandosi come strumenti capaci di incentivare i più giovani ad assumere un ruolo attivo nella promozione del nostro patrimonio culturale”.

Rispondi