Aïn Dara SiriaUn tempio di 3.000 anni è stato danneggiato da attacchi aerei turchi nel nord della Siria. Lo ha riferito domenica una ONG, definendola una “catastrofe” simile alla devastazione provocata a Palmyra. Il tempio di Aïn Dara, che risale all'”era aramaica” (circa 1.300-700 a. C.), è stato oggetto di un’offensiva turca per più di una settimana, e venerdì è stato colpito da attacchi aerei. “L’entità della distruzione è del 60%”, dice il direttore dell’OSDH (Observatoire syrien des droits de l’Homme) Rami Abdel Rahmane. Il sito di 50 ettari, scoperto nel 1982, è famoso per i suoi “imponenti ed eccezionali leoni basaltici e affreschi in pietra intagliati”, racconta l’ex direttore generale delle Antichità e dei Musei siriani, Maamoun Abdelkarim. “Tremila anni di civiltà, distrutti in un raid aereo” ha sottolineato l’esperto contattato dall’AFP. Condannando “gli attacchi turchi ai siti archeologici dell’Africa”, la Direzione Generale delle Antichità e dei Musei ha confermato “la distruzione del tempio di Ain Dara, uno degli edifici archeologici più importanti costruiti dall’Aramaico in Siria”.

Rispondi