Si è tenuto oggi presso il ministero dei Beni culturali l’incontro delle delegazioni di Italia e Russia con il sottosegretario Dorina Bianchi per promuovere iniziative di cooperazione culturale. Nel corso dell’incontro sono stati stipulati importanti accordi tra il Museo Archeologico di Napoli Mann e la Soprintendenza di Pompei e il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, e tra il Museo della Reggia di Caserta ed il Museo dell’Ermitage, che prevedono per il quadriennio 2017/2020 un intenso programma di collaborazione. Tra questi le mostre, “La vita e l’arte nella città di Pompei” all’Ermitage. Contemporaneamente, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli sarà ospitata la mostra: “Gli Ori degli Sciti e gli Ori Romani”, con opere provenienti dall’Ermitage. Nel 2019 Una mostra su Canova, con capolavori provenienti dall’Ermitage, sarà allestita al Mann di Napoli.

Erano presenti all’incontro i rappresentanti del Museo Archeologico Nazionale, del Museo della Reggia di Caserta e della DG Musei del Mibact che ringrazio per la disponibilità ed il gran lavoro fatto. E’ stato inoltre presentato il Progetto Musei italiani, coordinato dalla Direzione Generale Musei: un’importante ed innovativa proposta espositiva da delinearsi congiuntamente fra i musei coinvolti, utilizzando opere provenienti, prevalentemente, dai depositi dei principali musei italiani (raccolte in un database di oltre 5000 oggetti). Si sta predisponendo un calendario di importanti proposte culturali, che saranno organizzate in occasione del Forum 2018, tra le questi una grande mostra dedicata ad un maestro del Rinascimento italiano sarà in quel periodo allestita all’Ermitage.

Si realizzeranno: un Festival del cinema italiano contemporaneo con retrospettiva ed incontri con grandi del cinema italiano; rappresentazioni teatrali nell’ambito dell’accordo firmato a San Pietroburgo tra il Piccolo Teatro di Milano ed il Teatro Alexandrisky di San Pietroburgo; convegni sul rapporto Russia-Italia, la cui organizzazione è demandata all’Accademia delle Scienze per la Russia e all’associazione slavisti per l’Italia. Infine il Progetto italo russo che vedrà la restituzione temporanea dei due clavicembali donati da Caterina seconda a Cimarorosa e Paisiello e l’esecuzione presso il teatro dell’Hermitage dell’opera “La vergine del sole” di Domenico Cimarosa, scritta per Caterina II e mai eseguita in Russia.

Rispondi