Andrea-Cancellato Federculture musei“Siamo sconcertati, al pari del Ministro Franceschini, per questa sentenza che riporta le lancette indietro nel tempo. Ci fa temere che sia difficile introdurre innovazione nel nostro Paese”. Lo ha dichiarato Andrea Cancellato, Presidente di Federculture, commentando la sentenza del Consiglio di Stato di oggi che rinvia all’adunanza plenaria la decisione sulla legittimità della norma che prevede la possibilità per gli stranieri di ricoprire il ruolo di direttore nei musei autonomi italiani. “Federculture – ha aggiunto Cancellato – ha sempre approvato questa apertura di riforma dei musei statali verso un’autonomia gestionale e verso una selezione di direttori non necessariamente italiani. Come gli italiani competono all’estero per le direzioni dei musei, altrettanto possono fare gli stranieri – europei e non – nella corsa alla direzione dei nostri musei. Lo scambio della qualità e la competizione rappresentano il terreno su cui far crescere in professionalità i direttori, figure essenziali nella vita delle nostre istituzioni culturali”. “Speriamo che si tratti di un problema tecnico. E non piuttosto – ha concluso il presidente di Federculture – che dietro un tema tecnico si voglia celare la costruzione di un sistema protezionistico. Per noi sarebbe assolutamente inaccettabile”.

Leggi anche:

Nuova pronuncia del Cds sui direttori dei Musei, Franceschini: difficile fare riforme in Italia

Rispondi