Pompei nuovi scavi

È online il bando 2018 del ministero degli Affari esteri-Direzione generale per la promozione del Sistema Paese, per la richiesta di contributi per le missioni archeologiche, antropologiche, etnologiche italiane all’estero. Oltre alle attività di ricerca archeologica, antropologica ed etnologica, potranno essere svolte anche attività di ricognizione, analisi e studio di reperti, formazione, catalogazione, documentazione e pubblicazione dei risultati scientifici e/o interventi di restauro e conservazione del patrimonio archeologico nell’ambito di un programma di ricerca su siti archeologici situati all’estero e sulle civiltà a essi afferenti. Le richieste – da presentare entro il 14 febbraio – per essere accolte e inserite tra i progetti da esaminare, devono rispondere ai seguenti requisiti di base:

  • Prevedere il concorso di più fonti di sostegno economico e finanziario. Il contributo del ministero degli Esteri, infatti, si configura come cofinanziamento e risulta quindi indispensabile che il richiedente abbia disponibilità di altri fondi. Il cofinanziamento del ministero degli Esteri non potrà essere superiore al 70% delle spese sostenute.
  • Prevedere spese relative ad attività e/o a campagne in programma tra il primo gennaio e il 31 dicembre.
  • Esplicitare la località in cui si intende operare e le attività che si intendono svolgere nell’anno in cui si richiede il contributo.

I contributi che concorrono al finanziamento della missione possono essere utilizzati per l’acquisto di apparecchiature e altri beni strumentali (es. computer) nella misura massima del 10 per cento delle spese totali relative alla missione; per la realizzazione di pubblicazioni strettamente attinenti alle attività e ai risultati della missione, nella misura massima del 20 per cento delle spese totali relative alla missione. I contributi saranno assegnati dal ministero degli Affari esteri-Direzione generale per la promozione del Sistema Paese, sentito il Gruppo di lavoro consultivo per la promozione della cultura e della lingua italiana all’estero, sezione per le missioni archeologiche.

I CRITERI DI ASSEGNAZIONE

I criteri per l’assegnazione dei contributi terranno conto dei seguenti elementi: contesto delle priorità della politica estera italiana; parere dell’Ambasciata italiana competente; validità scientifica del progetto; capacità di anticipare risorse finanziare tali da assicurare la realizzazione del progetto; svolgimento di attività di formazione di personale locale; uso di tecnologie innovative, anche riguardo alla gestione del sito archeologico. I contributi saranno assegnati in funzione delle disponibilità finanziarie per l’anno 2018. In alternativa alla concessione di contributi si potrà attribuire, sentito il Gruppo di lavoro e l’Ambasciata territorialmente competente, il riconoscimento istituzionale alla missione, a titolo gratuito, in considerazione della rilevanza e della valenza scientifica del progetto presentato e delle aree in cui esso si svolge. Il contributo assegnato per il 2018 sarà corrisposto nell’anno 2019, a conclusione delle attività preventivate e previa presentazione e verifica del relativo rendiconto contabile.
Per consultare il bando completo:
http://www.esteri.it/mae/resource/doc/2018/01/bando_2018.pdf

Rispondi