Palazzo Madama senato FaroLa ratifica della Convenzione di Faro sia inserita nei lavori delle commissioni speciali di Camera e Senato. L’appello viene dalle file del Pd di Palazzo Madama, in particolare da un neo senatore con alle spalle una legislatura alla Camera in Commissione Cultura. Si tratta di Roberto Rampi che è riuscito ad entrare al Senato nonostante il pessimo risultato elettorale del suo partito che ha lasciato fuori molti dei suoi precedenti colleghi. Rampi ha appena depositato nel suo nuovo ramo del Parlamento (con prima firma il neo capogruppo ed ex presidente della 7a Commissione Andrea Marcucci) un disegno di legge di ratifica della Convenzione di Faro. Un articolato identico a quello depositato alla Camera da Anna Ascani e Flavia Piccoli Nardelli.

“L’idea di inserire la Convenzione nei lavori delle commissioni è assolutamente percorribile – spiega Rampi ad AgCult – sia dal punto di vista regolamentare che da quello politico”. Dal punto di vista del regolamento, ricorda, all’ordine del giorno delle commissioni speciali “sono già state inserite delle ratifiche”. E, dal punto di vista politico, “il Movimento 5 Stelle si è già dichiarato disponibile ad approvare quanto prima la ratifica. Inoltre, in particolare al Senato, i cinquestelle hanno la presidenza della Commissione speciale (Crimi) e la senatrice Montevecchi nell’ufficio di presidenza in quanto segretario d’aula”.

Per Rampi si tratterebbe anche di un’occasione per avviare e sperimentare una “leale collaborazione politica su un tema fondamentale come quello della cultura”. Pure alla luce degli apprezzamenti di Luigi Di Maio sull’operato di Dario Franceschini come ministro dei Beni Culturali. “Il regolamento del Senato – continua Rampi – dà uno spazio ampio alle Commissioni e quello potrebbe essere il luogo per fare un buon lavoro trasversale a partire dai decreti della legge sullo spettacolo”. Nella passata legislatura fu proprio Rampi (all’epoca relatore alla Camera della legge sullo spettacolo dal vivo) a spingere per un confronto aperto e non strumentale con le altre forze politiche in Commissione. “La Convenzione di Faro potrebbe essere quindi l’inizio di una collaborazione anche in questa legislatura”.

Leggi anche:

Convenzione di Faro, per il M5S è “fondamentale ratificarla”

Cultura, Volpe al M5S: non smantellare riforme Franceschini, subito ratifica Convenzione di Faro

Convenzione di Faro, a breve depositata alla Camera la proposta di ratifica del Pd

Convenzione di Faro, Nizzo (Villa Giulia): Ratificata o meno, io vado avanti

Rispondi