Dopo il successo della mostra “Pop Icons”, la Rome International School (RIS) – di proprietà della prestigiosa Università LUISS – in accordo con il MiBACT ed il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, allestirà un nuovo evento artistico: nei mesi di Marzo ed Aprile, 75 reperti archeologici, recuperati dalla speciale unità dei Carabinieri, saranno finalmente accessibili al pubblico, a cominciare da oltre 500 studenti di 50 nazionalità diverse e le loro famiglie.

Il senso della mostra è costruire un ponte tra passato e futuro, educando le nuove generazioni alla ‘bellezza’ in modo che siano in grado di riconoscerla, apprezzarla e proteggerla.

Per tutti gli appassionati di arte, questa è davvero un’occasione unica: tra le opere ‘salvate’, un sarcofago in terracotta di fattura etrusca, recuperato a Ginevra; vasi con rappresentazioni mitologiche e un grande cratere apulo a mascheroni, sequestrato in Corsica, che funge da invito per i visitatori.

Un’istallazione particolare è dedicata ad una armatura ideale inedita, composta da elmo, corazza,schinieri e lancia risalenti al V e VI secolo A.C. di cui proprio la Rome International School ha finanziato il restauro.

Antichi tesori esposti in una cornice ultra moderna – passato e futuro si fondono per diffondere e difendere valori universali: rispetto, tutela, legalità.

La mostra sarà aperta in anteprima alla stampa Giovedì 9 Marzo dalle 9:30, seguirà la cerimonia d’inaugurazione con la partecipazione del Generale di Brigata, Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Fabrizio Parrulli; del Direttore Generale LUISS Guido Carli, Giovanni Lo Storto; del Direttore Scientifico della mostra, Roberto Di Paola, ospiti del MiBACT e della comunità nazionale e internazionale.

La mostra sarà aperta gratuitamente al pubblico dal lunedì al venerdi su prenotazione dalle 08.30 alle 18.00 e nei fine settimana dalle 10.00 alle 20.00.

Rispondi