La prima regola del collezionismo è che si dovrebbe amare quello che si compra. Dopo tutto, ci vivrai insieme. Ma la gente non compra l’arte solo perché pensa che sia bella, ma la compra anche sulla premessa che l’opera manterrà o aumenterà il suo valore. E grazie anche ai prezzi – a volte a nove cifre – pagati per l’arte del 20esimo secolo, molti aspiranti acquirenti sostengono che le migliori opportunità di investimento siano in questo settore. Dove altro si può aumentare di 350mila volte il valore di un oggetto in soli 25 anni? Ma questi tipi di storie di successo rappresentano una piccola frazione del mercato, e spesso sono il risultato di un attento lavoro di collezionisti potenti e commercianti che hanno trascorso anni a far crescere i prezzi di un artista. Allora, su quale corrente artistica è necessario puntare per vedere un’opera d’arte crescere di valore? Per Bloomberg bisogna rivolgersi a quella più fuori moda di tutte: l’arte vittoriana, un termine generico per indicare i dipinti made in England della metà-fine del 19esimo secolo, spesso paesaggi, animali e temi come il duro lavoro, la carità, e la fedeltà.

Tuttavia, “se a qualcuno effettivamente piace questo tipo di arte, è un momento molto, molto buono per acquistare”, ha detto Polly Sartori, direttore della Galleria 19C a Los Angeles ed ex capo dei dipinti europei del 19esimo secolo da Sotheby. Un paesaggio dipinto da Benjamin Williams nel 1874 è in vendita da Christie’s con una stima di 22.000-30.000 dollari; un paesaggio simile fu venduto 13 anni fa da Sotheby per 293.400 dollari. “Le persone usano ancora ‘vittoriano’ come termine spregiativo”, ha detto Rupert Maas, commerciante di Londra specializzato nell’arte del 19esimo secolo. “Ci sono due guerre mondiali tra noi e il periodo vittoriano. Non siamo ancora in grado di vedere le cose spassionatamente e capire quale straordinario periodo sia in realtà”.

L’arte vittoriana è stata venduta per immense somme quando è nata ma poi è stata spazzata via dagli impressionisti e modernisti che sono arrivati in seguito. Per decenni, l’intero genere è stato consegnato alla pattumiera della storia. Per questo, ritratti che potrebbero essere venduti per $ 70mila dollari possono ora essere trovati per 20mila dollari. Il mercato dell’arte globale è stato in gran parte dominato dall’arte contemporanea, a scapito della maggior parte degli altri periodi. “E’ una specie di tsunami contemporaneo”, ha detto Sartori. “Anche con il design. Tutti vogliono uno stile Ikea ​ minimalista, e se si guarda l’arte vittoriana, non si adatta a questo”.

Un elemento a favore dell’arte vittoriana è che ha il sostegno istituzionale, un termine gentile per dire che ha ancora spazio sulle pareti dei musei. Molti dei musei di tutto il mondo sono stati infatti fondati durante il periodo di massimo splendore del movimento, e servono come base per molte di queste collezioni. La Tate Britain ha decine di opere vittoriane in mostra, mentre il Metropolitan Museum of Art di New York ha ospitato una mostra di dipinti, tessuti e ceramiche dell’epoca.

Comments are closed.