Il marchio fiorentino Gucci ha annunciato un progetto culturale di ampio respiro con le Gallerie degli Uffizi e la città di Firenze, che vedrà la sua celebrazione il 29 maggio con la sfilata Cruise 2018 nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti, mai utilizzata prima d’ora per una sfilata. Il progetto culturale “Primavera di Boboli” promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e patrocinato dal Comune di Firenze, prevede una partnership con le Gallerie degli Uffizi per il restauro e la valorizzazione del patrimonio botanico del Giardino di Boboli attraverso un impegno pari a due milioni di euro da parte del marchio, da erogare a favore delle Gallerie degli Uffizi nell’arco di tre anni. Il Giardino di Boboli, con i suoi 33 ettari, rappresenta un tessuto unico al mondo tra sculture, architetture, paesaggi e piante, che risale nelle parti salienti al Cinquecento, con un ecosistema unico composto anche da piante arrivate in Toscana secoli fa da tutti gli angoli del globo.

Marco Bizzarri, Presidente e Ceo di Gucci, commenta: “Gucci è un marchio globale con solide origini fiorentine. Alla base del successo di questi ultimi anni, trainato dal talento del nostro direttore Creativo Alessandro Michele, ci sono le competenze, l’entusiasmo, lo spirito d’innovazione e le capacità degli artigiani e di tutti coloro che lavorano per questo marchio a Firenze e in questo territorio. Dopo aver presentato le ultime due collezioni Cruise nell’Art District di New York nel 2015 e nei chiostri di Westminster Abbey a Londra nel 2016”, ha proseguito Bizzarri, “celebrare la sfilata della prossima collezione Cruise nel cuore di questa città ha un significato particolare, estremamente coerente con il percorso culturale ed estetico di Alessandro Michele, che trova nella città di Firenze e nei suoi capolavori rinascimentali un’inestinguibile fonte d’ispirazione. Poter annunciare oggi questo progetto è un’opportunità incredibile, per la quale ringrazio tutte le istituzioni che lo hanno abbracciato, comprendendo il valore culturale dell’iniziativa.”

Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, ribadisce la cruciale importanza di questa iniziativa per il patrimonio del Giardino: “Siamo davvero grati a Gucci di aver scelto quel rarissimo scrigno di pittura europea che è la Galleria Palatina di Palazzo Pitti per presentare gli ultimi frutti della loro creatività eccezionale, e tutta fiorentina, rendendo così possibile l’operazione Primavera di Boboli, che letteralmente farà rifiorire il verde del giardino e lo riporterà al suo status storico di Versailles italiana.”

Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, afferma: “Anche la moda è parte del patrimonio culturale e della storia del nostro Paese, dove il gusto, l’eleganza e l’educazione al bello fanno parte del nostro quotidiano. Il legame tra moda e arte è sempre stato molto stretto e ha spesso favorito occasioni di incontro suggestive e uniche. Come avviene oggi con un marchio prestigioso dello stile italiano che decide di investire in modo significativo su una grande istituzione culturale nel pieno rispetto della sua missione. Ritengo molto positivo che queste due eccellenze, parti integranti della cultura e della creatività, stiano dialogando con sempre maggior coraggio.

Dario Nardella, Sindaco di Firenze, commenta: “Per Firenze è un onore che un marchio fiorentino nato quasi 100 anni fa, ambasciatore di successo della creatività e del made in Italy di qualità nel mondo, abbia scelto la propria città per un progetto culturale così importante che valorizzerà ulteriormente il nostro patrimonio artistico e naturale”.