Il manager miliardario Steven A. Cohen metterà all’asta a maggio da Christie un pregiato quadro di Jean-Michel Basquiat. Lo rivelano persone vicine alla vicenda. Intitolato “La Hara,” il lavoro del 1981 raffigura un ufficiale bianco di polizia. Dovrebbe essere tra i primi lotti di un’asta di arte del dopoguerra e contemporanea di Christie che si terrà a New York il 17 maggio. Dipinto su un pannello di legno, il pezzo è stimato tra i 22 e i 28 milioni di dollari, ha reso noto la casa d’aste. Il round di aste semestrali che si terrà il mese prossimo a New York sarà un test chiave per il mercato dell’arte dopo la contrazione nel 2016, anno che ha registrato una flessione delle vendite globali del 26 per cento a 22,1 miliardi. Ma il mercato – scrive l’agenzia Bloomberg – sembra migliorare. Per quanto riguarda l’opera di Basquiat, si tratta di “una delle poche opere con protagonisti uomini bianchi”, ha detto Alex Rotter, presidente della sezione arte del dopoguerra e contemporanea di Christie. “C’è anche un aspetto politico.” Cohen, 60 anni, ha un patrimonio netto stimato di 12,1 miliardi di dollari, secondo l’indice miliardari Bloomberg, e ha pagato 141,3 milioni di dollari per una scultura di Alberto Giacometti nel maggio 2015. Sei mesi più tardi, ha venduto il suo ritratto “Mao” di Andy Warhol a 47,5 milioni e il “Concetto Spaziale, La Fine di Dio” di Lucio Fontana per 29,2 milioni.

One Comment

  1. Pingback: Arte contemporanea, “Leda e il cigno” di Cy Twombly in asta a NY: valutato 35-55 mln - AgCult

Rispondi