Al via oggi a Ho Chi Minh City la visita del Sottosegretario al Turismo Dorina Bianchi, su invito del Governo vietnamita e alla guida di una delegazione di operatori turistici italiani che parteciperà alla 13esima edizione dell’International Travel Expo di Ho Chi Minh City. La visita di due giorni mira a rafforzare il dialogo e la collaborazione in campo culturale e turistico con un Paese che dal 2013 è Partner Strategico per l’Italia nella regione ASEAN. Nello specifico comparto turistico, il trend di costante espansione del turismo vietnamita outbound – con prospettive di crescita del 9% annuo e di 7.5 milioni di turisti vietnamiti in uscita entro il 2021 – offre significative opportunità commerciali per gli operatori turistici italiani.

Oltre agli incontri politici con il Ministro vietnamita della Cultura, dello Sport e del Turismo, Nguyen Ngoc Thien, e con i vertici della Città e l’Arcivescovo di Ho Chi Minh City, la Bianchi interverrà insieme all’omologo vietnamita ad una tavola rotonda dedicata ai flussi turistici Italia-Vietnam, organizzata in collaborazione con il Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo vietnamita e con la Vietnam National Administration for Tourism.

Venerdì 8 settembre il Sottosegretario incontrerà la comunità imprenditoriale femminile di Ho Chi Minh City, principale centro economico del Vietnam, inaugurando un dibattito dedicato al contributo di arte e cultura alla creatività di impresa e alla formazione della classe dirigente, promosso dal Consolato Generale d’Italia in Ho Chi Minh City in collaborazione con la locale Associazione di donne imprenditrici HAWEE.

Quest’ultima iniziativa si svolgerà nella suggestiva cornice della mostra italiana “Raffaello: Opera Omnia”, progetto di divulgazione digitale del patrimonio artistico italiano sviluppato da RAICom, che dopo essere stata inaugurata nella capitale Hanoi in occasione della Festa della Repubblica italiana, è attualmente in esposizione ad Ho Chi Minh city. Il seminario sarà seguito da un evento conviviale alla presenza del Corpo Consolare e della comunità imprenditoriale e culturale di Ho Chi Minh City.

Rispondi