teatri di reggio emiliaPaolo Cantù, Direttore dal 2015 della Fondazione Piemonte dal Vivo, è stato nominato Direttore Generale della Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, accorpando la funzione di direttore artistico, ruolo che assumerà dal 1 gennaio 2018 al termine del suo mandato in Piemonte. Una nuova opportunità accolta con entusiasmo e condivisa con l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Antonella Parigi, che ha scelto Piemonte dal Vivo come interlocutore privilegiato e strategico per i molti progetti avviati in questi ultimi tre anni.

Le reazioni

“Nel triennio del mandato – dichiara Paolo Cantù – la Fondazione Piemonte dal Vivo ha potuto rinnovarsi nelle progettualità, grazie alla piena sinergia e al rapporto fiduciario che si è instaurato con l’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte. Sono state consolidate le attività del circuito teatrale, con una presenza sul territorio ancora più capillare e competente; è stato avviato il progetto della Lavanderia a Vapore a Collegno, centro dedicato all’arte coreutica riconosciuto a livello nazionale e internazionale; si è rafforzato Hangar Piemonte, progetto per sviluppare competenze e capacità imprenditoriali in ambito culturale; è stata rilanciata la tradizione della danza con una nuova formula nel Vignale Monferrato Festival, nelle terre Patrimonio Unesco. Un profondo ringraziamento, per questi anni di proficuo lavoro, va all’Assessore Antonella Parigi, al Presidente Anna Tripodi, a tutto il Consiglio d’Amministrazione e allo staff di Piemonte dal Vivo che con me ha condiviso queste sfide”.

“Il lavoro svolto da Paolo Cantù in questi anni – dichiara Antonella Parigi – ha permesso una forte crescita di Piemonte dal Vivo, con progetti di caratura nazionale e internazionale, tra i quali Hangar Piemonte e la Lavanderia a Vapore, e per questo a lui va il mio più sentito ringraziamento. Comprendo la sua scelta, e la decisione di tornare nell’ambito del teatro con un incarico di indubbio prestigio, consapevole del grande valore aggiunto da lui rappresentato in termini di professionalità e competenza per la Fondazione. Stiamo ora avviando una fase di transizione, che sarà l’occasione per una riorganizzazione di Piemonte dal Vivo, alla luce delle numerose funzioni e collaborazioni acquisite in questi anni”.

“La condivisione di intenti e di obiettivi che si è riuscita a creare all’interno di tutta la Fondazione tra organismo politico e amministrativo – aggiunge la Presidente di Piemonte dal Vivo Anna Tripodi – ha dato vita a un percorso virtuoso che è tangibile nei risultati ottenuti. Auspico per tutti gli enti pubblici una condivisione di questo tipo e sono certa che, a partire dalle basi poste, il lavoro proseguirà su queste linee, grazie anche alla fase di riorganizzazione che abbiamo deciso di portare avanti insieme all’Assessore. Ringrazio Paolo per la collaborazione e la passione profusa nel ricoprire il delicato ruolo in seno alla Fondazione e sono felice per il prestigioso e meritato incarico. Un grande in bocca al lupo per questa nuova sfida”.

Il curriculum di Paolo Cantù

Paolo Cantù (Vimercate, 1975) si laurea con lode in Filosofia Teoretica presso l’Università Statale degli Studi di Milano. Nel 2001 assume l’incarico di direttore organizzativo al Teatro della Cooperativa di Milano; negli stessi anni collabora il Festival Teatro Europeo, Uovo – Performing Arts Festival e la Residenza Teatrale lombarda NudoeCrudo Teatro.Nel 2007 viene nominato direttore organizzativo e amministrativo della Fondazione Teatro Piemonte Europa di Torino, dove lavora al fianco del direttore Beppe Navello ai progetti produttivi, alle programmazioni delle stagioni teatrali e del Festival Teatro a Corte, rassegna di creatività contemporanea internazionale realizzata nelle Residenze Reali del Piemonte, specializzandosi inoltre nella progettazione europea.

Nel 2012 diventa direttore esecutivo del Teatro Franco Parenti di Milano dove, accanto alla responsabilità gestionale della struttura e al coordinamento degli uffici, è membro del board artistico e delegato per i rapporti istituzionali con gli enti, oltre che project manager di Cittadella Luna, progetto che rappresenta un interessante modello di fruizione e produzione culturale collegata ad uno spazio pubblico, a partire dalla riqualificazione e ricongiungimento degli spazi teatrali con quelli adiacenti del Centro Balneare Caimi. Ha partecipato come relatore in diversi convegni nazionali, è stato membro del consiglio direttivo e tiene docenze nell’ambito del Master Eventi Culturali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nonché nell’ambito dei seminari organizzati dall’ Associazione Hystrio.

Da gennaio 2015 è direttore della Fondazione Piemonte dal Vivo, dove – accanto all’attività di distribuzione in qualità di circuito regionale multidisciplinare (teatro, danza, musica, circo contemporaneo) – ha avviato e sviluppato diverse nuove progettualità: fra le altre, Vignale Monferrato Festival; la piattaforma Hangar_Piemonte dedicata alla formazione delle imprese culturali; il nuovo Centro Coreografico Regionale negli spazi della Lavanderia a Vapore nell’area metropolitana di Torino.

Rispondi