europa patrimonio culturaleNel quadro del programma “Europa creativa” per le industrie culturali e creative, la Commissione Ue ha pubblicato un invito a presentare proposte per finanziare progetti di cooperazione transnazionale connessi all’Anno europeo del patrimonio culturale che si celebrerà nel 2018. Gli operatori culturali, come sale da concerto, teatri lirici e gruppi teatrali in tutta l’Ue, sono invitati a partecipare alle attività dell’Anno europeo del patrimonio culturale volte a rafforzare il senso di appartenenza a uno spazio comune europeo.

Il Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics

“Oggi facciamo un altro passo verso la concretizzazione del 2018 quale Anno europeo del patrimonio culturale – ha sottolineato il Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics –. Il nostro ricco patrimonio culturale è una risorsa importante, che non ci lega soltanto al passato, ma ha un ruolo fondamentale nella costruzione del nostro futuro. Cerchiamo progetti che pongano l’accento sulla dimensione europea di questo ricco patrimonio culturale in tutte le sue forme. Come ha dichiarato il Presidente Juncker nel suo Discorso sullo stato dell’Unione, il 2018 dev’essere una celebrazione della diversità culturale”.

Bruxelles mette a disposizione 5 milioni di euro

Si stima che per i progetti di valorizzazione del patrimonio culturale saranno messi a disposizione 5 milioni di euro complessivi. La Commissione darà la preferenza ai progetti con un impatto a lungo termine focalizzati sulla sensibilizzazione e sulle attività di comunicazione. Le proposte devono essere presentate entro il 22 novembre 2017. I progetti, della durata massima di 24 mesi, dovranno iniziare tra gennaio e settembre 2018.

 

Articoli correlati:

Anno europeo 2018, il patrimonio culturale come risorsa per il futuro dell’Europa

Anno europeo del Patrimonio, la lunga strada verso una vittoria Made in Italy

Rispondi