ovidioL’aula del Senato ha approvato il ddl che prevede l’”Istituzione dell’anno ovidiano e celebrazione della ricorrenza dei duemila anni dalla morte di Ovidio“. Il testo passa ora alla Camera. Tutti i gruppi, eccetto il Movimento 5Stelle che si è astenuto, hanno votato a favore del provvedimento. La relatrice Laura Fasiolo (PD) ha illustrato il testo proposto dalla Commissione Cultura di Palazzo Madama. L’articolo 1 indica la finalità del provvedimento, che dichiara anno ovidiano il 2017; l’articolo 2 elenca gli interventi per la promozione della figura e dell’opera di Ovidio, tra i quali il sostegno alle attività didattiche, formative e culturali, il recupero e restauro del materiale storico e artistico, l’individuazione di Sulmona quale sede di un museo dedicato al poeta e la costituzione di un parco letterario ovidiano; l’articolo 3 istituisce un comitato promotore delle celebrazioni; l’articolo 4 stanzia un contributo straordinario di 350.000 euro per gli anni 2017 e 2018.

COSA PREVEDE IL DDL

Il ddl per la Celebrazione per i duemila anni dalla morte di Ovidio “celebra la figura di Publio Ovidio Nasone nella ricorrenza dei duemila anni dalla sua morte, promuovendo e valorizzando la sua opera in ambito nazionale ed internazionale”. Il provvedimento prevede anche che “l’anno 2017, nel quale ricorrono i duemila anni dalla morte di Ovidio, è dichiarato ‘anno ovidiano’”. Lo Stato riconosce meritevoli di finanziamento i progetti di promozione, ricerca, tutela e diffusione della conoscenza della vita, dell’opera e dei luoghi legati alla figura di Ovidio, da realizzare negli anni 2017 e 2018. Per le iniziative celebrative dei duemila anni dalla morte di Publio Ovidio Nasone, di cui alla presente legge, è attribuito al Comitato promotore un contributo straordinario di 350.000 euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018.

Il Comitato promotore è presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri o da un suo delegato. È composto dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo e dal Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, o da loro delegati, dal Presidente della regione Abruzzo, da due parlamentari del territorio, eletti nella regione Abruzzo, designati dal Presidente della Camera di appartenenza, dal Sindaco del comune di Sulmona, dal Presidente del Consiglio di amministrazione della DMC (Destination Management Company) – Terre d’amore in Abruzzo, da tre personalità di chiara fama della cultura e letteratura latina, esperti della vita e delle opere di Ovidio, nominati con decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca entro due mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge.

2 Comments

  1. Pingback: Anno ovidiano, Vacca (M5S): provvedimento è “figlio di un santo in paradiso” - AgCult

  2. Pingback: Camera, quella presunta sanatoria edilizia nascosta nelle celebrazioni di Ovidio - AgCult

Rispondi