Camera FacciataSbarca in commissione Cultura della Camera il Codice dello Spettacolo, dopo il via libera arrivato da Palazzo Madama il 20 settembre. Relatore del provvedimento è il deputato dem Roberto Rampi, che illustrando il testo in commissione ha auspicato “che il clima di dialogo che si è registrato al Senato possa caratterizzare anche il lavoro qui Camera”. Il testo ora all’esame, ha spiegato, “costituisce una risposta ad un settore che attende una riforma organica da più di trent’anni. Infatti, dopo l’istituzione del Fondo unico per lo spettacolo, con la legge n. 163 del 1985, non c’è mai stata una riforma organica, ma interventi, sia pur numerosi, per specifiche necessità. Oggi, invece, viene esaminato un disegno di legge di riforma organica, con il quale si intende rilanciare e sviluppare il settore dello spettacolo”.

Articoli correlati:

Codice dello Spettacolo, Montevecchi (M5S): Quello che poteva essere, ma non è

Codice dello spettacolo, via libera del Senato con 121 sì. Il testo passa alla Camera

Franceschini: provvedimento veramente innovativo

Codice dello Spettacolo, Rampi e Manzi sui social: “Notizia super!”, “Lo aspettiamo con impazienza alla Camera”

2 Comments

  1. Pingback: Codice dello spettacolo, Di Benedetto (M5S): spazio a eventuali emendamenti. Rampi (Pd): tempi ristretti - AgCult

  2. Pingback: Codice dello Spettacolo, Rampi: con ddl diciamo che la cultura è un elemento fondamentale - AgCult

Rispondi