“Tra breve le coperture provvisorie, calcolate per sopportare il peso dell’acqua piovana e della neve, saranno pronte e si potrà affrontare la rimozione delle macerie minute e la ricognizione dello stato dì conservazione delle pavimentazioni antiche”. Così il sottosegretario all’Istruzione, Vito De Filippo, ha risposto in commissione Cultura della Camera a un’interrogazione di Michele Bordo (Pd) sulle iniziative che il Governo intende assumere per garantire l’accurato restauro di quanto danneggiato dal fuoco in occasione dell’incendio che ha interessato il sito archeologico di Faragola, in territorio di Ascoli Satriano (Foggia). “La macchina organizzativa sul territorio è stata tempestiva e sta lavorando alacremente in stretta collaborazione tecnica con l’Istituto centrale e in costante contatto informativo con la Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio”, ha puntualizzato De Filippo.

A seguito dell’incendio sviluppatosi nella notte fra il 6 e 7 settembre scorso, il cantiere in atto presso il complesso archeologico di Ascoli Satriano ha subito gravissimi danni. Sono andate completamente distrutte le coperture in legno della villa ma soprattutto l’incendio ha procurato seri danni alle importanti testimonianze archeologiche (pavimento musivo, marmi ecc.). Spentosi l’incendio, ha ricordato De Filippo, il competente Segretariato regionale per la Puglia, d’intesa con la Soprintendenza, ha provveduto innanzitutto a sgomberare dalle macerie il sito e a mettere in sicurezza il patrimonio archeologico procedendo alla rimozione delle lamiere del tetto e alla predisposizione di coperture provvisorie per riparare dalle intemperie le pavimentazioni antiche. Contestualmente è stata disposta la sospensione dei lavori in corso e al fine di evitare interferenze si è disposta l’interdizione dell’area a persone estranee al cantiere non avente titolo o preventivamente non autorizzato.

Articoli correlati:

Faragola, Bordo (Pd): assicurare rapida e completa ricostruzione del sito archeologico

Incendio Faragola, Bianchi (Mibact): Urgente riaprire discussione su Ddl delitti contro il patrimonio

Rispondi