mab colli euganeiL’impatto derivante dalla paventata realizzazione di un centro commerciale in comune di Due Carrare, prospiciente il Castello del Catajo e prossimo alle pendici de Colli Euganei, “parrebbe compromettere e creare forti criticità alle interrelazioni con il contesto”. Inoltre, “seppure l’area del centro commerciale non ricada all’interno del Parco regionale, è comunque prossima al perimetro del Parco”. Così il sottosegretario di Stato per l’Interno, Giampiero Bocci, ha risposto in Aula alla Camera a un’interpellanza di Giulia Narduolo (Pd) rivolta al Mibact in merito alla costruzione di un nuovo grande centro commerciale in comune di Due Carrare in provincia di Padova.

L’esponente del governo nella sua risposta ha sottolineato che “secondo la soprintendenza è inconfutabile l’ampia visione che si avrà del nuovo complesso. In conclusione, secondo la soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso, tale possibilità edificatoria parrebbe incidere sui valori del paesaggio, depauperandone la peculiarità culturale e la possibilità di espansione turistica rese proprio dalla bellezza dei Colli citati e dai territori confinanti”.

Secondo, inoltre, quanto comunicato dagli uffici del ministero dell’Ambiente, ha aggiunto Bocci, “dalle verifiche effettuate sulle mappe di pericolosità idraulica e di rischio idraulico del Piano di gestione per il rischio di alluvione approvato a marzo 2016, il sito su cui è prevista la realizzazione del centro commerciale risulterebbe interessato da aree a pericolosità e rischio idraulico. La soprintendenza ha assicurato il proprio impegno per la conservazione dei valori paesaggistici e culturali della zona”.

Articoli correlati:

Padova, interpellanza Narduolo (Pd): tutelare paesaggio e ambiente di Due Carrare

Padova, Narduolo (Pd): No a centro commerciale a Due Carrare, danni al paesaggio e all’economia della zona

One Comment

  1. Pingback: Cultura, la Settimana al Senato: al centro dei lavori dl fiscale e imprese culturali - AgCult

Rispondi