Monica-Barni fotografia“La Toscana è terra di sperimentazione ed avanguardia artistica dove la fotografia, anche nel passato, ha mosso i primi passi ed è stata uno dei linguaggi con cui si sono consolidati e sviluppati sul territorio linguaggi innovativi. La nostra regione possiede importanti archivi fotografici, uno per tutti l’archivio Alinari, nonchè importanti competenze per quanto riguarda la conservazione e il restauro”. Così la vice presidente e assessore alla cultura Monica Barni intervenuta oggi alla Compagnia dove è in corso una giornata di studio e approfondimento dedicata alla fotografia e al suo rapporto con i musei e con la conservazione e il restauro. Una giornata intensa in cui si sono succeduti studiosi ed esperti a livello internazionale, a cominicare dagli esperti dell’Opificio delle pietre dure e dal Museo Alinari di Firenze, fino all’Università Bocconi di Milano.

“E’ per questo – ha aggiunto la Barni – che la discussione che oggi ospitiamo alla Compagnia, con studiosi di altissimo livello e presenze internazionali come quella della Fondazione Cartier Bresson è un’occasione di approfondimento su un aspetto della produzione artistica che non solo è fondamentale ma è anche un tema che ormai, basti pensare all’uso del telefonino, riguarda tutti. Una riflessione su questo significa perciò anche partire dal quotidiano di ciascuno di noi per riportarlo a tematiche che riguardano la cultura e l’arte”. L’evento è una tappa del ciclo di incontri promossi dal Mibact, “Mibact per la fotografia: nuove strategie e nuovi sguardi sul territorio” iniziato ad aprile e maggio, a Roma e Reggio Emilia, con gli Stati generali della fotografia.

“L’appuntamento di oggi – ha ricordato ancora Monica Barni – testimonia anche il rinnovato impegno istituzionale sulla fotografia in genere, fa parte di un percorso di analisi e proposta per riflettere su nuove modalità di intervento a favore di un mondo, quale quello fotografico, ancora non adeguatamente valorizzato e promosso, anche al fine di sostenere lo sviluppo di opportunità di crescita professionale e di tutela del lavoro, che deve rimanere una priorità politica, ed un impegno inoltre verso i giovani”.

Rispondi