La domanda che dobbiamo porci è “come possiamo mantenere l’equilibrio tra costruzioni nuove e le esigenze di tutela e ricostruzione nei paesi colpiti da eventi sismici. Siamo stati criticati per aver fatto una selezione delle macerie subito a ridosso dell’emergenza. Abbiamo selezionato macerie di tipo A riguardanti edifici monumentali e macerie di tipo B, edilizia storica non tutelata ma che va salvaguardata ai fini della ricostruzione futura. Dopo quasi un anno dal terremoto questa selezione sta producendo risultati, per esempio, con il ritrovamento degli affreschi a Norcia nelle fondamenta della chiesa di San Benedetto. Quello che sembrava un lavoro feticista si sta rivelando utile”.  Lo ha detto Caterina Bon Valsassina, Direttore Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Mibact, durante una delle sessioni degli Stati generali del paesaggio annunciando che il prossimo 31 ottobre con Carla di Francesco tornerà nei luoghi del sisma del Centro Italia.

Rispondi