Al via l’esame da parte delle commissioni Cultura e Lavoro della Camera dello schema di decreto legislativo in materia di lavoro nel settore cinematografico e audiovisivo. Relatrici sono, rispettivamente, le deputate dem Giulia Narduolo e Patrizia Maestri. Il dlgs tenta di offrire chiarimenti interpretativi del jobs act e prevede poi l’introduzione di linee guida per tutto il territorio nazionale relative alla classificazione delle prestazioni che si articola in 5 classi: sviluppo e pre-produzione; produzione; postproduzione; distribuzione; esercizio.

“L’affermarsi della tecnologia – ha sottolineato la Narduolo illustrando il provvedimento – sta inducendo una decisa accelerazione nella modifica dei processi produttivi, che comunque nel settore cinematografico sono sempre stati all’avanguardia (…). A chi lavora in questo ambito, si richiede pertanto un costante aggiornamento professionale e una tensione all’innovazione che però non porta necessariamente all’affermazione economica degli addetti, che spesso rimangono senza garanzie effettive”.

Rispondi