Camera Aula parlamento imprese culturali“Per tanti anni questo settore è stato oggetto di tagli, perché si pensava che fosse un settore improduttivo, uno spreco. È stato considerato un settore sovrastrutturale, ecco noi non la pensiamo così, e con questo provvedimento diciamo che non è più così, diciamo che la cultura è un elemento fondamentale e su cui è necessario investire”. Lo ha detto il deputato Roberto Rampi (Pd) nel corso della discussione in Assemblea sulle linee generali del Codice dello spettacolo, già approvato dal Senato, provvedimento di cui è relatore.

“Il cammino è lungo, noi abbiamo trovato un baratro, abbiamo trovato dei tagli che avevano prodotto un qualcosa di simile al Grand Canyon, scavato non dal Colorado ma da chi ha governato precedentemente questo paese, e stiamo invertendo la rotta rimettendo risorse. Ma soprattutto, stiamo facendo passare un principio: l’importanza di questo settore e l’idea che questo settore è un investimento. Ogni euro investito in cultura produce arricchimento delle persone e dei cervelli, produce democrazia”.

“Credo che questa norma possa essere – come successo al Senato – una norma ampiamente condivisa”. Tutte le proposte emendative giunte, sottolinea infatti Rampi, “riconoscono il tracciato di questa legge e la sua importanza”.

“Quello che affrontiamo oggi è un tema importante, crediamo che questo disegno di legge contenga davvero quello che serve al mondo dello spettacolo. Pensiamo con questo ddl di sostenere un pezzo dell’economia del paese e un pezzo delle attività industriali e produttive di questo paese, che sono collegate nell’industria dello spettacolo”.

Articoli correlati:

Camera, arriva il Codice dello spettacolo: Rampi (Pd): auspico clima di dialogo come in Senato

Codice dello spettacolo, Di Benedetto (M5S): spazio a eventuali emendamenti. Rampi (Pd): tempi ristretti

2 Comments

  1. Pingback: Codice dello Spettacolo, Bonaccorsi (Pd): Riforma per rimettere la cultura al centro - AgCult

  2. Pingback: Il Codice dello spettacolo è legge, via libera dalla Camera: Franceschini: provvedimento importante - AgCult

Rispondi