“Abbiamo puntato tanto sull’arte contemporanea in ambiente storico portando avanti progetti che comprendono tutto il complesso museale”. Lo ha detto Peter Assmann, direttore di palazzo ducale a Mantova nel corso dell’evento organizzato dal Ministero dei Beni Culturali per fare il punto a due anni dalla nomina dei primi direttori dei Musei statali autonomi previsti dalla riforma Franceschini. Assman, ricordando l’aumento di visitatori del 51 per cento nel 2016 (rispetto al 2015), ha presentato una carrellata di novità ed eventi, sottolineando soprattutto la proiezione internazionale del museo. In particolare ha menzionato una collaborazione con il Louvre su Giulio Romano fra due anni. Tra i servizi offerti ai visitatori c’è anche quello di Dog sitter (l’unico direttore ad averne parlato). Assman ha infine ricordato la solidarietà di Mantova, dai cittadini alla Camera di commercio e all’amministrazione, in occasione delle polemiche sul fatto che è austriaco.

Rispondi