Sono stati annunciati oggi a Roma, alla presenza del ministro Dario Franceschini, presso il Ministero dei Beni e Attività Culturali e Turismo, i nominativi dei vincitori dei prestigiosi Corporate Art Awards, i premi pensati per identificare, valorizzare e promuovere le eccellenze del mecenatismo aziendale a livello internazionale. La novità dell’edizione 2017 è la creazione di una categoria di premi ad-hoc per i mecenati istituzionali: i cosiddetti “Institutional Art Awards”. L’insieme dei due programmi, Corporate e Institutional Art Awards, ha dato origine all’iniziativa di più alto livello “Mecenati del XXI secolo”.

All’iniziativa, inserita all’interno della settimana della Cultura d’impresa di Confidustria, hanno partecipato 80 aziende e 20 istituzioni da 18 nazioni diverse in 4 continenti. La lista completa dei partecipanti aziendali è disponibile sul sito www.pptart.net/participants2017, mentre la lista dei partecipanti istituzionali è disponibile sul sito www.pptart.net/institutional. Tra i partecipanti agli “Institutional Art Awards 2017” segnaliamo ABI, Banca d’Italia, il Ministero degli Esteri, la Banca Europea degli Investimenti, il Parlamento Europeo, le Nazioni Unite, FAO, la Banca Centrale Argentina, etc.

I partecipanti ai “Corporate Art Awards 2017” includono le migliori iniziative di Corporate Art in Italia e nel mondo. Tra gli italiani segnaliamo Banca Intesa con uno dei più significativi portafogli di iniziative artistiche, Fondazione TIM con il restauro del Mausoleo di Augusto a Roma, Fiat con la celebrazione dei 60 anni di Fiat 500 al MoMA di New York, Enel con il programma internazionale di illuminazione artistica, Poste Italiane con i murales che hanno impreziosito 20 uffici postali in Italia, da Pantelleria a Torino.

Un’ulteriore novità dell’edizione 2017 è il premio speciale per la piccola e media impresa, ideato con il supporto di Confindustria per dare visibilità agli imprenditori che investono in progetti di valorizzazione artistica sul territorio. Tra questi segnaliamo la Fondazione Lungarotti con il polo museale specializzato in viticoltura, Bellosta Rubinetterie con un originale parallelismo tra grandi architetture e design di qualità, il gruppo OTB con il restauro del ponte di Rialto a Venezia.

“Nel corso delle due edizione 2016 e 2017 hanno partecipato ai premi “Mecenati del XXI secolo” oltre 200 aziende e istituzioni da 28 Paesi in 4 continenti”, afferma Luca Desiata, docente di Corporate Art presso la LUISS Business School. “Quest’anno, per la prima volta, l’iniziativa ha visto la partecipazione delle istituzioni nazionali e internazionali. Sono inoltre intervenuti alcuni tra i direttori dei principali musei italiani (Uffizi, MAXXI, Parco archeologico di Paestum), già peraltro coinvolti come membri del Comitato Scientifico di Valutazione. Dopo il grande successo nazionale e internazionale della prima edizione avevamo davanti una sfida molto ambiziosa e siamo contenti di poter dire che ci siamo riusciti. Siamo inoltre orgogliosi di poter affermare che a distanza di 5 secoli dalla Firenze dei Medici, l’Italia torna oggi capitale mondiale del mecenatismo internazionale”.

 I VINCITORI

PREMIO SPECIALE “MECENATE DEL XXI SECOLO”

Banca Intesa Sanpaolo, per l’ampiezza e la qualità delle iniziative artistiche che non hanno uguali nel mondo

PREMIO SPECIALE “ART BONUS”

Assicurazioni Generali, per il restauro dei Giardini Reali a Venezia

Ferragamo, per il restauro della Fontana del Nettuno in Piazza della Signoria a Firenze

PREMIO SPECIALE “SOCIAL MEDIA”

The Swiss Mobiliar (Switzerland), con 5100 “likes”

Banco Central de Ecuador, con 1300 “likes”

CORPORATE ART AWARDS – IT

American Express, per aver riportato al suo antico splendore l’Arco di Giano a Roma

Borsa Italiana, per l’approccio diversificato alle iniziative artistiche con i progetti “Finance for Fine Arts”, “Rivelazioni” e “BIG” (Borsa Italiana Gallery)

Deutsche Bank, per il premio internazionale “Artist of the year”

Enel, per l’ampiezza e la qualità del programma di illuminazione artistica a livello internazionale

Fiat, per aver trasformato un’icona della creatività italiana in un’opera d’arte di respiro internazionale

Gruppo Hera, per aver realizzato SCART, il primo progetto al mondo di Waste Art aziendale per ampiezza, originalità e continuità negli anni

Poste Italiane, per aver impreziosito gli uffici postali di tutta Italia con opere di street art

Tim, per aver avviato il restauro del Mausoleo di Augusto, con l’obiettivo di restituire al mondo uno dei monumenti chiave della storia di Roma

CORPORATE ART AWARDS – INT.L

ABLV Charitable Foundation BANK (Latvia/Lettonia), per la promozione degli artisti lettoni anche sulla scena internazionaleattraverso il finanziamento di oltre 90 progetti di arte contemporanea

CSL Group (Canada), per il coinvolgimento di street artist in un importante momento di celebrazione nazionale

DAVIDOFF Art Initiative (Switzerland/Dominican Republic), per il profondo impatto sociale e il respiro internazionale del programma Art Residency

HBC Global Art Collection (USA), per l’ampiezza, l’originalità e la fruibilità di una delle principali collezioni fotografiche aziendali a livello internazionale

International Steels Limited (Pakistan), per aver trasformato i centri di produzione industriale in fonte di ispirazione artistica.

Lufthansa (Germany), per aver trasformato il Lufthansa AviationCenter in un luogo di ispirazione attraverso l’arte e l’architettura

Montefiore Medical Center (USA), per aver reso l’arte uno strumento di conforto e di supporto nel percorso di guarigione

PLMJ Foundation (Portugal), per il sostegno agli artisti portoghesi su scala nazionale e internazionale con il motto “A Law Firm as a Place of Culture” (uno studio legale come centro di cultura)

The Absolut Company (Sweden), per aver collaborato dal 1985con 550 artisti su 850 progetti a supporto dell’immagine e del brand aziendale.

INSTITUTIONAL ART AWARDS

ABI, per la promozione del patrimonio artistico delle banche attraverso il progetto “Invito a Palazzo”

Banca d’Italia, per l’approccio integrato alle iniziative d’arte

Bocconi University, per aver avvicinato gli studenti all’arte tramite Boccony Art Gallery

Camera dei Deputati, per la valorizzazione degli spazi istituzionali attraverso l’arte

European Investment Bank, per la collezione d’arte e per il programma di residenza d’artista a supporto della missione della Banca

European Parliament, per la promozione della diversità culturale in Europa attraverso la collezione di arte contemporanea

FAO, per il coinvolgimento di artisti dei Paesi non-OECD (in via di sviluppo) in eventi istituzionali

Ministero degli Esteri, per una delle migliori collezioni al mondo nel settore istituzionale

United Nations (UNOG), per continuare ad esprimere gli ideali delle Nazioni Unite attraverso unaa collezione d’arte di 2.000 opere

PREMIO SPECIALE CONFINDUSTRIA

Bellosta Rubinetterie, per la ricerca di nuovi talenti artistici con il progetto “Il bello che dura nel tempo” che unisce prodotto, architettura ed espressività

Molteni, per la capacità di fondere nel Museo del Gruppo Molteni oltre 80 anni di eredità del marchio con ricerca, mostre e sguardo al futuro

Museo Lungarotti, perché da oltre quaranta anni il “Museo del Vino” esalta storia e cultura del prodotto promuovendo il territorio

OTB Group, per aver restituito al Ponte di Rialto di Venezia la sua originaria bellezza

INSTITUTIONAL ART AWARDS – special mentions

Ambasciata portoghese, per il recupero della centralità urbana e sociale di una dimensione spesso trascurata del patrimonio architettonico romano

British Council, per la promozione degli artisti disabili sulla scena internazionale

Istituto Italiano dei Castelli, per la salvaguardia, conservazione e valorizzazione del patrimonio di architetture fortificate presenti sul territorio italiano

JRC ISPRA, per l’introduzione della creatività artistica in un settore industriale poco esplorato

Ministero dello Sviluppo Economico, per la valorizzazione della propria missione attraverso il patrimonio storico, artistico e architettonico

Museo della Zecca, per la valorizzazione del patrimonio numismatico italiano

Articoli correlati:

Patrimonio culturale, Franceschini: In futuro indispensabile integrazione tra risorse pubbliche e private

Cultura, Tajani: soft power per rafforzare idea di una comune appartenenza europea

3 Comments

  1. Pingback: Institutional Art Awards: Menzione Speciale | Forgotten Project

  2. Pingback: Institutional Art Awards: Menzione Speciale | Forgotten Project

  3. Pingback: Institutional Art Awards: Menção Especial | Forgotten Project

Rispondi