Romea Strata“Le grandi vie di comunicazione ma anche i percorsi secondari sono presenti nel nostro territorio in quantità notevole. Soprattutto in questi ultimi dieci anni si è risvegliato il fenomeno che coinvolge numeri consistenti di pellegrini. Proprio per questo motivo il settore del turismo deve essere attento a cogliere questo ‘turismo’ di nicchia. Non come momento di ‘sfruttamento’ di un potenziale cliente ma con la consapevolezza dei fondamenti etici e morali di tale fenomeno che devono essere compresi da chi gestisce strutture di accoglienza”. Nasce da questa premessa il progetto scolastico dell’I.S.I.S. Bonaldo Stringher – di Udine: “Par gracie di Diu – Per grazia di Dio”, programma pensato per preparare in tal senso i futuri addetti al settore turistico e far loro conoscere il fenomeno del pellegrinaggio religioso del Friuli-Venezia Giulia ma con un occhio di riguardo alla Romea Strata. È quanto si legge in una nota pubblicata sul portale della Direzione Generale Turismo del Mibact.

Strutturato in diversi obiettivi da raggiungere e completare entro l’anno scolastico 2017/18, il progetto vede le terze, quarte e quinte dell’Istituto Turistico, impegnate nell’ottenimento di competenze storiche, letterarie, artistiche e linguistiche necessarie per prepararsi al confronto con le realtà regionali e con le Istituzioni, legate a un turismo sempre più lento e sostenibile, come quello dei Cammini. Tre le fasi previste: nella prima – settembre/novembre – professionisti avranno il compito di illustrare gli sbocchi lavorativi nell’ambito turistico con gli studenti impegnati in incontri con stakeholders di settore. La seconda – novembre/febbraio – approfondirà il tema della religiosità popolare, dei pellegrinaggi, dell’ospitalità e dell’etica del gestore turistico rispetto al pellegrino, oltre a permettere una raccolta dati riguardanti i Cammini attraversanti la regione. Infine la terza fase – febbraio/maggio – sarà invece orientata alla realizzazione di una cartografia virtuale in inglese, tedesco, francese e spagnolo contenente tutte le informazioni utili al viaggiatore. Gli studenti giunti all’ultimo anno avranno l’opportunità di proporre idee e piani di sviluppo per valorizzare la Romea Strata organizzando eventi o incontri culturali, creando pacchetti turistici dedicati o pubblicando opuscoli informativi; oltre a diffondere e comunicare le diverse attività su canali di comunicazione e social media.

One Comment

  1. Pingback: Cammini, Baretta: Valorizzare immobili enti locali è impegno da portare avanti - AgCult

Rispondi