mibact collegio romano culturaDovranno essere presentate entro il 15 gennaio 2018 le domande relative al bando per il progetto “Salvaguardia del patrimonio musicale tradizionale”. Le attività oggetto della domanda dovranno concludersi entro il 31 dicembre 2018 e l’erogazione dei contributi è prevista a conclusione delle stesse. A partire dal 12 dicembre 2017, la Direzione generale Spettacolo pubblicherà sul proprio sito i modelli da utilizzare per partecipare alla pubblica selezione.

IL BANDO

Sono ammessi al bando un numero massimo di 20 progetti di organismi pubblici o privati, senza scopo di lucro e anche non dotati di personalità giuridica, che presentino nell’atto costitutivo la previsione di finalità di promozione musicale non professionistica e lo svolgimento di attività dello stesso tipo da almeno cinque anni. I progetti dovranno prevedere “eventi tesi a pubblicizzare e valorizzare la produzione musicale amatoriale e la salvaguardia” della stessa e dovranno essere destinati “a incentivare l’interesse dei giovani e della collettività per la produzione musicale non professionistica”.

La concessione dei contributi sarà disposta con decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze ed espressa attraverso una graduatoria da pubblicare sul sito della Direzione generale Spettacolo. Essa conterrà il giudizio complessivo al progetto che terrà conto delle caratteristiche proprie dello stesso, della sua attitudine al coinvolgimento del pubblico nel territorio e della congruità economica e coerenza delle voci di spesa e del costo complessivo dello stesso rispetto alla proposta artistica.

La graduatoria viene resa a seguito di un parere non vincolante dei progetti elaborato dalla apposita Commissione nominata con decreto del luglio 2016. La Commissione risulta composta da un dirigente del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, da un etnomusicologo, da un esperto di musica corale, da un esperto di musica bandistica e da un rappresentante designato dal Ministro dell’economia e delle finanze.

I FONDI PER LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO MUSICALE TRADIZIONALE

La selezione pubblica per il progetto “Salvaguardia patrimonio musicale tradizionale” è stata indetta con decreto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo datato 26 febbraio 2016 facendo riferimento alla legge di stabilità per il 2016 nella quale si autorizzava la spesa di un milione di euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018 per il finanziamento di festival, cori e bande. Fine della disposizione dei finanziamenti è la tutela di “un settore di significativo rilievo culturale” e la salvaguardia delle “relative attività, anche in considerazione del loro apporto al patrimonio tradizionale del Paese”. Ai fini dell’accesso alle risorse stanziate, continua l’articolato della stessa legge, i soggetti interessati devono trasmettere al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo i propri progetti nei termini e secondo le modalità e procedure stabilite con bando dello stesso Ministero.

Rispondi