Giovanna Barni CoopCulture - governanceL’impresa sociale, in particolare la cooperazione, è il modello per coniugare cultura e redditività. Lo ha detto la presidente di CoopCulture, Giovanna Barni, a margine del Forum Europeo della Cultura in corso a Milano. “Nello sforzo che stiamo facendo di porre la cooperazione come uno degli strumenti che possono non solo in Italia, ma anche in Europa, mettere in relazione società, comunità, patrimonio culturale e crescita economica, questo è il pezzo su cui noi abbiamo più da dire. E’ un pezzo su cui l’Italia può dire molto all’Europa perché non c’è bisogno di una trasformazione affinché la cultura produca reddito, occupazione, economia e crescita. Non c’è bisogno che si trasformi in industria (moda, o design, sono cose certo importantissime), ma c’è ancora molto da far emergere nel mezzo: cioè la capacità di creare valore direttamente dal patrimonio culturale”.

Quanto al Forum in corso a Milano che ha lanciato l’Anno europeo del patrimonio culturale nel 2018, Giovanna Barni si dice “davvero meravigliata dalla capacità che il tema patrimonio culturale oggi finalmente riesce ad avere in una chiave dinamica: visto come strumento per disegnare un futuro dell’Europa coeso, più orientato ai giovani e alla cultura come elemento di opportunità per tutti”. Al Forum questo è stato ben detto, spiega Barni. La presenza di Tajani “non sembra stata solo una presenza istituzionale. Finalmente la politica europea si accorge delle potenzialità di questo settore, sia interne che esterne. A cominciare dalla capacità di fare attraverso la cultura politiche per i migranti e nei confronti anche dei Paesi extra europei per ribadire l’identità e le potenzialità dell’Europa”.

Rispondi