Archivisti culturaLa procedura di assunzione dei candidati al ruolo di funzionari archivisti sarà avviata non appena conclusi gli adeguati adempimenti, “data la significativa rilevanza della procedura per questa Amministrazione, nonché tenuto conto delle legittime aspettative dei candidati”. Si attende ora il 16 gennaio, data in cui la camera di consiglio si riunirà per proseguire la trattazione cautelare della questione. Lo comunica il Direttore Generale Organizzazione, Marina Giuseppone. “In ottemperanza all’Ordinanza del TAR per il Lazio n. 5347/2017, la Commissione d’esame ha provveduto nel senso indicato dal dispositivo della medesima Ordinanza, con la quale, tra le altre, è stata sospesa l’efficacia della graduatoria generale di merito”. L’Amministrazione – prosegue la nota – “ha in corso una serie di interlocuzioni con gli Organi competenti al fine di pervenire ad una risoluzione che garantisca la correttezza della procedura e nel contempo tuteli gli interessi di tutti i soggetti coinvolti”, nelle more dell’espressione del giudizio da parte dell’adito Tribunale, nonché degli adempimenti connessi alla rivalutazione già effettuata dalla Commissione d’esame.

LE TAPPE DEL CONCORSO

La procedura concorsuale di assunzione dei funzionari archivisti rientra nell’iter di selezione per l’assunzione a tempo indeterminato presso il Ministero di 500 funzionari dei beni culturali, numero in seguito raddoppiato, per diversi profili professionali. La graduatoria finale di merito era stata approvata dalla Commissione interministeriale per l’attuazione del Progetto di Riqualificazione delle Pubbliche Amministrazioni (Ripam). La circolare a firma del Direttore Generale del Mibact del luglio scorso aveva in seguito comunicato l’approvazione della graduatoria generale di merito al “Concorso pubblico per titoli ed esami, per il reclutamento di n. 95 unità di personale nel profilo professionale di Funzione Archivista”.

Il ministro Franceschini aveva annunciato la firma del provvedimento con le sedi di assegnazione che i candidati vincitori e idonei avrebbero dovuto scegliere evidenziando come oltre ai 95 nuovi funzionari, ulteriori 32 erano stati giudicati idonei, “per un totale di 127 persone” che sarebbero entrate a far parte dell’organico del Ministero, “portando energie nuove all’amministrazione di archivi, musei, soprintendenze e biblioteche”. Contro quei provvedimenti era stato proposto ricorso e il TAR del Lazio, lo scorso 16 ottobre, aveva sospeso l’efficacia della graduatoria generale di merito rinviando la prosecuzione della trattazione cautelare in camera di consiglio, prevista appunto per il 16 gennaio 2018.

Approfondimenti:

Avviso Mibact: https://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/Avvisi/visualizza_asset.html_522536981.html

Rispondi