turismo mare liguriaÈ stato istituito, con decreto ministeriale, il Comitato di Gestione del Fondo Nazionale di Garanzia per il consumatore di pacchetto turistico. Il Comitato sarà composto da Francesco Palumbo, Direttore generale Turismo del Mibact, con funzione di presidente, Francesco Tapinassi, in qualità di presidente supplente, Andrea Maria Palamidessi e Sabato Franco Sorrentino, quali componenti effettivo e supplente del Ministero degli Affari Esteri, Vincenzo Maria Di Maro e Massimo Greco, quali componenti effettivo e supplente del Ministero dello Sviluppo Economico, Silvio D’Amico e Maurizio Mauri, quali componenti effettivo e supplente del Ministero dell’Economia e delle finanze, Luigi Valanzuolo e Ersilia Di Bacco, funzionari della DG Turismo, in qualità di Segretario e Segretario supplente. Il Codice del Turismo (dlgs. 79/2011) stabilisce, infatti, che il Fondo sia presieduto dal Direttore della Direzione Generale Turismo e composto dai rappresentanti di tre amministrazioni pubbliche centrali. Al Comitato di Gestone sono affidati compiti decisionali, di intervento e controllo.

La nomina del Presidente del Comitato era già pervenuta con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri nell’ottobre 2015, a cui aveva fatto seguito la determina dello stesso anno con la quale Francesco Palumbo aveva designato Luigi Valanzuolo ed Ersilia Di Bacco quali Segretario effettivo e supplente. Con proprie note, anche il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero dello Sviluppo Economico ed il Ministero dell’Economia e delle Finanze avevano provveduto a designare i propri rappresentanti e i relativi componenti supplenti. La costituzione del Comitato, si legge nel decreto ministeriale, è stata quindi definita per “garantire il ripristino delle normali condizioni di funzionamento ed operatività” del Fondo, “anche alla luce delle numerose domande di rimborso presentate al Fondo negli ultimi mesi”.

IL FONDO NAZIONALE DI GARANZIA

Il Fondo opera presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo ed è chiamato a intervenire quando un pacchetto turistico, comprato su territorio nazionale da un organizzatore o un intermediario, non viene utilizzato in parte o nella sua totalità, a causa del fallimento o dell’insolvenza del venditore. Attraverso le risorse del fondo, è così possibile consentire il rimborso del prezzo versato per l’acquisto di pacchetti turistici e il rimpatrio del turista nel caso di viaggi all’estero nonché fornire immediata disponibilità economica, nei casi di rientro forzati di turisti da Paesi extracomunitari in occasione di emergenze, imputabili o meno al comportamento dell’organizzatore.

Le modalità di gestione e di funzionamento del Fondo sono determinate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri o con decreto del Ministro delegato, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze e con il Ministero dello sviluppo economico. A partire dal 1° luglio 2016, è entrato in vigore un sistema di garanzia a gestione privata che ha modificato le disposizioni del Codice del Turismo stabilendo l’obbligatorietà – e non più la facoltà – per l’organizzatore di pacchetti turistici e per gli intermediari di stipulare polizze assicurative o di fornire garanzie bancarie a copertura dei contratti di turismo organizzato che garantiscano, per i viaggi all’estero e i viaggi che si svolgono all’interno di un singolo Paese, il rimborso in caso di insolvenza o fallimento. Il Fondo viene così alimentato annualmente da una quota pari al 2% dell’ammontare del premio delle polizze di assicurazione obbligatoria intervenendo nei limiti dell’importo corrispondente alla quota suddetta.

Approfondimenti:

Decreto di istituzione del Comitato: http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/feed/pdf/DM%205%20GENNAIO%202018%20REP%203-imported-75325.pdf

Rispondi