cinematografia cinemaSono 9 i progetti ammessi al bando per i contributi destinati dal Fondo di sostegno allo sviluppo di coproduzioni tra Italia e Germania, scaduto il 15 dicembre 2017. I progetti, di cui 8 d’iniziativa italiana e 1 d’iniziativa tedesca, riceveranno un contributo pari all’ammontare richiesto e fino a un massimo di 30 mila euro. I progetti ammessi al finanziamento sono: “Apollodoro di Damasco architetto imperiale” scritto da Stefano Moretti e Pietro Galifi e diretto da Alessandro Furlan, “Con lo spirito e fuoco” scritto da Domenico Distilo e Guido Luculano, “Lo chiamavano Bud Spender” scritto da Giuseppe Petersoli e Lorenzo De Luca, “Il paradiso dei giusti” scritto da Marco Turco, Mariano di Nardo e Younis Tawfic e diretto da Marco Turco, “Il martello e la pietra” scritto e diretto da Sergio Marcelli, “L’albero delle orecchie” scritto da Jacopo Maria Bicocchi e Frederic Shuld, “Stanze segrete Tintoretto l’arte della messinscena” scritto da Reinold Jaretzky, Giovanni Andreotta ed Ezio Toffolutti e diretto da Erminio Perocco, “Vicky” scritto da Labanti Davide e Premuda Eugenio” e diretto da Labanti Davide, “Un colpo in pensione” scritto da Daniele Cosci e diretto da Alessio Liguori.

IL FONDO

Il Fondo si colloca nell’ambito dell’accordo siglato in materia di organizzazione delle attività di sviluppo di progetti di co-produzione tra Italia e Germania tra la Direzione Generale per il Cinema del Mibact e il Filmförderungsanstalt (FFA), l’ Agenzia Tedesca per la Promozione del Film. Base dell’accordo è il supporto del co-sviluppo di progetti che prevedano la realizzazione di lungometraggi di alta qualità, in grado di attrarre pubblico nei rispettivi Paesi e nel resto del mondo e incoraggia la cooperazione tra produttori italiani e tedeschi.

L’erogazione del contributo avverrà in due soluzioni: il primo 60% a seguito della firma della convenzione per il sostegno deliberato tra la società di produzione beneficiaria e l’Ente erogante e il restante 40% a seguito della presentazione di un resoconto dettagliato dell’impiego del contributo, dell’ultima versione della sceneggiatura, di una rendicontazione dei costi di sviluppo e del piano finanziario finale. Le riprese dovranno iniziare entro due anni dalla prima erogazione del contributo.

Approfondimenti:

Graduatoria dei progetti ammessi: http://www.cinema.beniculturali.it/Notizie/4627/68/fondo-delle-attivit%C3%A0-di-sviluppo-di-coproduzione-tra-italia-e-germania-2017-%E2%80%93-i-progetti-ammessi/

Linee guida per l’erogazione dei contributi: http://www.cinema.beniculturali.it/Notizie/4564/68/fondo-sviluppo-coproduzioni-italia-%C3%A2%C2%80%C2%93-germania-edizione-2018/

Rispondi