biblioteca lazio

Scadranno il 28 febbraio i termini per la presentazione delle domande per i contributi alle biblioteche non statali ai sensi della circolare n. 138/2002 della Direzione generale per i beni librari e gli istituti culturali, in tema di “Interventi finanziari per il funzionamento e per le attività delle biblioteche non statali aperte al pubblico con esclusione di quelle di competenza regionale”. In particolare, la circolare disciplina gli interventi finanziari statali destinati a sostenere il funzionamento e la pubblica fruibilità delle biblioteche non statali sulla base di progetti di valorizzazione del patrimonio bibliografico e di potenziamento delle strutture.

Il Ministero provvederà all’assegnazione dei contributi mediante valutazione comparativa delle domande inoltrate e in regola, tenuto conto dell’entità dei fondi a disposizione. Il contributo ottenuto, viene specificato, non potrà essere in nessun caso utilizzato per la corresponsione di emolumenti a personale dipendete della biblioteca.

MODALITÀ, CRITERI E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La circolare indica, in maniera dettagliata, le modalità, i criteri e i termini di scadenza annuale per la presentazione delle domande. A questa circolare ha fatto seguito la numero 5/2009 che è intervenuta a specificare l’esatta applicazione della n. 138/2002 a fronte dell’incompletezza e della consegna in ritardo delle domande. Nello specifico, le biblioteche che vogliano inviare richiesta di contributi devono possedere quattro requisiti fondamentali: essere coordinate da un direttore responsabile; essere dotate di un regolamento interno; effettuare un’apertura al pubblico per almeno dodici ore settimanali; operare nell’ambito del Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN) oppure chiedere il contributo finalizzato all’inserimento in SBN.

I fondi erogati devono essere utilizzati esclusivamente in base alle finalità con cui sono stati assegnati, comunicate con lettera dalla Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali. Il contributo relativo all’annualità in cui viene elargito può essere utilizzato anche successivamente la data del 31 dicembre a condizione che nella relazione descrittiva, da allegare all’eventuale domanda presentata nell’anno successivo, vengano specificate le spese sostenute fino a quel momento e la relativa attività svolta. I beneficiari dei contributi dovranno trasmettere tempestivamente alla Direzione generale per i beni librari e gli istituti cultuali, ogni elemento utile richiesto al fine del controllo sulla utilizzazione dei contributi erogati “che potrà essere attuato anche con visite ispettive”.

Al fine di venire incontro alle esigenze delle biblioteche non statali che necessitino di delucidazioni, nella fase precedente alla scadenza dei termini per la presentazione delle domande, sarà disponibile assistenza tecnica tramite “help on line” nella sezione del sito della DG Biblioteche e Istituti Culturali. Gli utenti potranno porre domande di proprio interesse attraverso l’impiego della casella di posta elettronica dg-bic.circolare138@beniculturali.it. La sezione FAQ del sito ha, nel corso degli anni, raggruppato le domande di maggiore pertinenza.

I CONTRIBUTI ALLE BIBLIOTECHE NON STATALI

La Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culture, oltre che alla concessione di contributi annuali per il funzionamento e le attività delle biblioteche non statali, eroga contributi fissi, previsti da apposite leggi, a loro favore. Dal 2011 sono stati invece sospesi i finanziamenti di interventi tecnici di restauro, legatura, disinfestazione ed impianti di sicurezza per le biblioteche a causa dei limitati fondi destinati a tal fine.

Approfondimenti:

Link dell’avviso: https://www.librari.beniculturali.it/opencms/opencms/it/news/novita/novita_db152.html
Circolare 138/2002: https://www.librari.beniculturali.it/opencms/export/sites/dgbid/it/documenti/Circolare138_2002.pdf
Circolare 5/2009: https://www.librari.beniculturali.it/opencms/export/sites/dgbid/it/documenti/circ_5_2009.pdf

Rispondi